Cambia l'orario di Carpi-Cesena: si gioca alle 20,45  

Quattro casi di sospetta positività tra gli ospiti. Rinviato in extremis in serata il match

Ultimora: la sfida  tra Carpi e Cesena, in programma alle ore 15, verrà disputata regolarmente, ma alle ore 20,45 dopo la sospetta positività di quattro giocatori del Cesena.

LA PARTITA

Torna al Cabassi l’incrocio col Cesena, un derby emiliano romagnolo diventato ormai un classico delle ultime stagioni. Nel passato ha sorriso un po’ agli uni e un po’ agli altri e questa volta cade in un momento delicato per i biancorossi, usciti frastornati dalla scoppola di Salò. I risultati dicono che la squadra di Pochesci ha già dimostrato dopo la sconfitta con l’Imolese di sapersi riprendere, ma se si guardano i primi minuti contro l’Arezzo, qualche dubbio viene e non sempre gli avversari rimangono in dieci. Meglio, quindi, correggere subito quel mal d’approccio che più volte ha visto Sabotic e compagni costretti a rincorrere dopo solo una manciata di minuti.


IMPORRE IL GIOCO

Mister Pochesci si aspetta una reazione, qualcosa che faccia apparire la sconfitta di Salò contro il SudTirol un semplice incidente di percorso. Per questo riallaccerà i fili col passato, riproponendo un undici identico o molto simile a quello visto contro l’Arezzo, nell’ultima al Cabassi. L’obiettivo è «imporre il nostro gioco – ha detto ieri nella conferenza pre partita – perché dopo una sconfitta dobbiamo far vedere che siamo vivi. Non ho nessun dubbio sull’impegno dei ragazzi, poi occorre vede quello che accadrà in campo, del quale rispettiamo sempre il verdetto». Non può dare rassicurazioni sul risultato, ma di una cosa è certo: «Vedo la squadra tosta e motivata e dopo le sconfitte bisogna sempre reagire».

CESENA D’ATTACCO

L’avversario proviene da tutt’altri lidi: ha appena seppellito il Fano e ha trovato il capocannoniere del torneo in un Bortolussi in grande forma. I romagnoli varcheranno i cancelli del Cabassi con l’intenzione di dare una svolta al loro campionato con una vittoria che li proietterebbe nei piani altissimi della classifica. Non ci sarà Caturano, infortunato, ma l’attacco bianconero è tra quelli che hanno i numeri migliori, e non per caso: «Il Cesena – continua Pochesci – gioca un 4-3-3 con attaccanti molto veloci. Giocano bene sulle fasce e noi dobbiamo essere attenti a chiudere bene gli spazi». Un pensiero all’avversario senza mai perdere la barra: «Io penso sempre al mio gioco. La squadra avversaria è importante conoscerla, rispettarla ma non averne timore. Non dobbiamo avere paura di nessuno».

TORNA LOMOLINO

Sul campo pare possano essere archiviati tutti gli avvicendamenti visti contro il SudTirol: «Le scelte sono già fatte perché l’allenatore non deve avere dubbi. A me si è accesa la lampadina dopo la partita di Salò e la squadra ce l’ho in testa. Siamo tutti .in forma, abbiamo recuperato anche Lomolino e Rossini è a disposizione, quindi non ci sono allarmismi che possano indurmi a cambiare giocatori importanti".