De Zerbi “conquista” anche la Spagna: tecnico e Sassuolo celebrati da El Pais

Il mister, da tempo attenzionato dal Barcellona alla ricerca del nuovo Guardiola, gettonatissimo all’estero 

mercato

stefano aravecchia


L’ultima offerta in ordine di tempo è arrivata in estate dalla Roma, da lui declinata. Roberto De Zerbi è l’allenatore del momento, non solo in Italia. E non è una novità che il Barcellona lo stia seguendo con interesse da mesi ritenendolo affine alla propria filosofia di gioco tanto da invitarlo nel maggio scorso a tenere una lezione online dedicata ad analisti, scout e tecnici del settore giovanile blaugrana, l’accademia più importante del mondo (anche se alle prese con una decadenza nelle ultime stagioni). Il webinar ha riscosso grande successo, l’hanno seguito con attenzione anche i componenti dello staff della prima squadra rimanendone favorevolmente impressionati. Come testimoniato dall’amministratore delegato neroverde Giovanni Carnevali, che per questioni di mercato ha un filo diretto con i colleghi del Barcellona.

Da maggio ad oggi gli estimatori di De Zerbi si sono moltiplicati e non è una suggestione che il club catalano stia prendendo in considerazione l’idea di puntare su di lui in futuro. Anche se ci sono due ostacoli: l’attuale allenatore blaugrana Ronald Koeman, che in estate ha preso il posto dell’esonerato Quique Setien, ha un contratto in scadenza il 30 giugno 2022, in più a breve si terranno le elezioni per nominare il nuovo presidente dopo le dimissioni di Josep Bartomeu. A tal riguardo sono in tanti in Catalogna ad un auspicare una nuova rivoluzione del tiki-taka di “guardioliana” memoria e anche per questo gli occhi sono caduti su De Zerbi, i cui punti di riferimento non a caso sono proprio Pep e Bielsa, due maestri-filosofi del bel calcio. A rafforzare la candidatura dell’attuale allenatore del Sassuolo - che qualche anno fa stava già per approdare in Spagna al Las Palmas - ieri è arrivato l’endorsment di El Pais, il più importante quotidiano iberico. Che sulle sue colonne ha lodato il Sassuolo (“è la squadra che gioca il miglior calcio - è l’analisi del corrispondente Daniel Verdù - con uno slancio calcistico per sbarazzarsi del passato”) e in particolare De Zerbi (“un malato di calcio, ammiratore di Guardiola e Bielsa, che ha saputo vincere a Napoli con la difesa a tre del Barcellona di Cruyff”). L’articolo di El Pais arriva dopo quello altrettanto entusiastico nei confronti dei neroverdi e del loro tecnico pubblicato qualche settimana fa dal prestigioso quotidiano sportivo francese l’Èquipe.

Che accadrà a giugno 2021? De Zerbi e il suo staff saranno liberi di scegliere il proprio futuro, ma conoscendo il tecnico accetterà una soluzione prestigiosa solo se ci saranno le condizioni ideali. La prospettiva di allenare all’estero lo stuzzica, Barcellona sarebbe il top ma sono diversi i club europei interessati con il Lione in prima fila. Da non scartare anche l’ipotesi che De Zerbi possa rimanere per un’altra stagione al Sassuolo, soprattutto se i neroverdi dovessero centrare l’obiettivo Europa. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA