Anche l’Under 21 a tinte neroverdi E Raspadori rinnova fino al 2024

Se la Nazionale maggiore è tinta di neroverde, non lo è da meno la formazione Under 21, che ha una vera e propria ossatura emiliana. Frattesi, Sala, Marchizza, Raspadori e Scamacca sono tutti volti che hanno il Sassuolo come denominatore comune, crescendo nel settore giovanile emiliano o trovando nel club neroverde un trampolino di lancio. Frattesi è stato, fino ad ora, uno dei punti fissi della Nazionale del CT Nicolato, dando continuità alle ottime prestazioni che sta collezionando negli ultimi campionati: il gioiellino di centrocampo, che il Sassuolo ha acquistato dalla Roma, si sta infatti facendo le ossa in B e, dopo il prestito all’Empoli nella passata stagione, quest’anno lo ha voluto l’ambizioso Monza, totalizzando già 5 presenze e una rete. Sempre dalla Roma è arrivato in terra emiliana il difensore centrale Riccardo Marchizza, anche lui in prestito allo Spezia; mentre Marco Sala, esterno di centrocampo, è temporaneamente alla Spal, in cui è titolare fisso.

A fare sognare i tifosi, però, sono soprattutto i due bomber di scuola Sassuolo, ovvero Gianluca Scamacca e Giacomo Raspadori. Quella che potrebbe essere la coppia offensiva neroverde del futuro, viste anche le caratteristiche fisiche e tattiche complementari, al momento sta approfittando dei minuti a disposizione sia nei club, che in Under 21. Scamacca, sul quale il Sassuolo crede molto al punto da rifiutare un’importante offerta estiva per lui, è andato in prestito al Genoa e Maran è rimasto colpito dalle qualità del classe ’99, che in 4 partite ha già messo a referto i suoi primi due gol in Serie A, impreziositi anche da un assist. Il valore del tesserino di Scamacca sta aumentando velocemente (si parla già di uno quotazione vicina ai 20 milioni), proprio come sta accadendo a quello di Raspadori. Il classe 2000, dopo aver fatto tutta la trafila nelle giovanili del Sassuolo, è arrivato in prima squadra debuttando nel 2019 in Serie A e, soprattutto, stupendo tutti nel finale dello scorso campionato, quando, alla prima da titolare, ha segnato contro la Lazio. Il 29 luglio, contro il Genoa, si è ripetuto appena entrato dalla panchina, chiudendo la stagione con 2 reti in 11 presenze. Quest’anno Raspadori mira ad incrementare il suo minutaggio e ci sta riuscendo, collezionando già 4 presenze ed un assist e, soprattutto, sta incassando la fiducia del mister e della società, che hanno ribadito la volontà di scommettere su di lui. Solo pochi giorni fa, De Zerbi ha parlato di Raspadori come di un talento prezioso, che potrebbe diventare “il futuro centravanti della Nazionale” ed il Sassuolo ha confermato di essere sulla stessa linea d’onda, visto che nella giornata di ieri ha ottenuto il rinnovo del contratto del giovane attaccante, che si è legato al club neroverde fino al 30 giugno 2024. —




La guida allo shopping del Gruppo Gedi