Spagnoli: «Col Sudtirol esame severo ma il Modena sa come affrontarlo»

L’attaccante, oltre ad essere l’ex della partita, nove mesi fa decise con un gol la sfida coi trentini «I sette punti nelle ultime tre gare dimostrano che siamo una squadra vera, tosta e coraggiosa»



E’ stato decisivo in quel Modena-Sudtirol di ormai nove mesi fa, l’ultima partita della scorsa stagione per i gialloblù di Mignani prima dell’emergenza sanitaria e del successivo lockdown a causa del Covid-19. Quella di domani sarà per Alberto Spagnoli, ex di turno e in biancorosso dal 2015 al 2017, una gara dal significato particolare: “Ricordo molto bene quella partita, in cui siamo riusciti a conquistare una vittoria meritata grazie ad un'ottima prestazione e al mio gol su assist di Davì”. La testa ora è rivolta solo al presente e al match contro la formazione di Stefano Vecchi: “Abbiamo affrontato tre partite impegnative e i sette punti ottenuti rappresentano un buon bottino. Siamo stati anche fortunati, dimostrando però di essere squadra, di avere coraggio e di saper giocare a calcio. Ci aspetta un bel banco di prova, loro sono molto attrezzati ma li conosciamo e sappiamo come affrontarli. Ci stiamo preparando al meglio, sarà una bella gara”. Le porte del Braglia resteranno nuovamente chiuse e per il classe ‘94 è difficile abituarsi alla mancanza del pubblico: “I tifosi gialloblù sono fondamentali, ti danno una mano e fanno sentire sempre il proprio calore. Il clima di silenzio, in cui si sentono solo le urla di allenatore e giocatori, è molto strano”. Il Modena, insieme proprio al Sudtirol, è la miglior difesa del girone B di serie C e il merito, così come affermato dai compagni di squadra, è anche del lavoro degli attaccanti: “Giochiamo in un modo che ci permette di chiuderci bene, restando compatti e cercando di recuperare palla per poi costruire la manovra con trame importanti e studiate in allenamento. Ognuno di noi è sempre pronto per dare il massimo contributo”. L’obiettivo dei canarini è continuare così e dare filo da torcere a qualsiasi avversario: “Sappiamo che è un campionato difficile, ogni partita è una battaglia perché puoi vincere o perdere contro chiunque. Ci sono tante squadre attrezzate, tra cui il Sudtirol che sfideremo, il Perugia che si è adattato alla categoria e il Padova che sta mantenendo un buon ritmo”. Per Spagnoli avere un compagno di reparto come Scappini è molto importante: “Mi trovo bene con Stefano, mette la sua esperienza a disposizione del gruppo. Mi aiuta, dandomi consigli e aiutando la squadra”. Chiusura dedicata ad un bilancio dal punto di vista personale. Per lui già 3 gol e tanto altro: “Sacrificarmi è una delle mie caratteristiche, faccio fatica a tirarmi indietro e cerco sempre di dare una mano. Lavoro al massimo in allenamento per crescere e migliorare sotto tutti i punti di vista”. —


La guida allo shopping del Gruppo Gedi