Antonioli ritrova il Modena: «Ma non parto battuto»

Le strade dei gialli e del tecnico della Fermana (ex Regia) tornano a incrociarsi:  «Non ho bei ricordi al Braglia e Mignani ha una squadra costruita per vincere»

MODENA. Vigilia di campionato per il Modena, che sfiderà domani pomeriggio (ore 15) al “Braglia” la Fermana. L’obiettivo dei gialloblù è tornare a tutti i costi alla vittoria che manca da tre partite, ma di fronte si troverà un avversario da non sottovalutare nonostante il quartultimo posto in classifica. Alla guida della formazione marchigiana c’è Mauro Antonioli, che nelle ultime due stagioni prima da allenatore della Reggiana e poi da mister della Fermana ha affrontato i canarini in match mai banali: “Non ho ricordi piacevoli - afferma ai microfoni del club -, a partire dalla finale playoff persa al Braglia (Modena-Reggiana 4-1, ndr). Nel campionato da tecnico granata, è stata una sofferenza anche se preventivabile visto che loro avevano una squadra fuori budget per tutti. La partita dello scorso anno (Modena-Fermana 1-1 del 21/10/19), invece, è stata la prima sulla panchina della Fermana e i ragazzi avevano reagito bene ottenendo un bel pareggio”. Antonioli vuole vedere una squadra coraggiosa e pronta a mettere in difficoltà il Modena: “Dobbiamo tornare a casa con dei punti per dare continuità e vedrete una squadra che se la giocherà dal primo all’ultimo minuto. Non possiamo restare solo dietro a difenderci, ma dovremo sfruttare le caratteristiche di alcuni nostri giocatori per fare la nostra partita”.

Il mister della Fermana ha poi parlato della rosa a disposizione di Michele Mignani: “Il Modena è una squadra costruita per vincere e ha giocatori importanti in tutti i ruoli. Basti pensare che l’ex capitano del Piacenza Pergreffi non è titolare, Sodinha non gioca sempre e Scappini è rimasto ogni tanto in panchina. Ha una qualità della rosa importante, gioca secondo me un bel calcio sfruttando il possesso palla a centrocampo e la compattezza del reparto difensivo che subisce pochi gol. Ora è un momento in cui stanno facendo fatica, ma la rosa è di alto livello. Nonostante questo, possiamo giocarcela con tutti. L’importante è andare là con la mentalità giusta, non essere passivi e partire bene nei primi minuti per indirizzare la partita e creare a loro dei problemi”. Per il Modena sarà importante mantenere la calma e sbloccare il risultato il prima possibile, ma la speranza di Antonioli è un’altra: “Quando la Fermana ha affrontato sulla carta squadre più forti, abbiamo subito gol nei primi dieci minuti. Le partite cambiano e per gli avversari tutto ciò diventa un vantaggio, queste formazioni vanno invece in difficoltà e fanno fatica se passa il tempo e non riescono a sbloccare la situazione. Dobbiamo tenere duro, non mollare e non subire reti ad inizio gara, poi sono sicuro che avremo le occasioni per dire la nostra”. —