Focolaio Carpi calcio, i positivi salgono a 37 e si teme possano aumentare

L’ondata di contagi non si ferma e potrebbe salire ulteriormente. La società sta effettuando controlli a tappeto, ma la ripresa dell’attività ora è compromessa 


CARPI Sono saliti a 37 i positivi al Covid-19 all’interno del gruppo squadra biancorosso. L’ha reso noto la società nel comunicare gli esiti dei tamponi effettuati lo scorso 23 dicembre. Ieri, come da protocollo, il Carpi ha proceduto con un ultimo giro di esami molecolari e il numero complessivo, che già supera l’80 per cento dei 45 inseriti nel gruppo squadra, potrebbe salire ancora nella giornata odierna, quando è attesa un’ulteriore comunicazione.

La situazione crea ovviamente problemi anche per la ripresa delle attività, visto che i tanti contagiati dovranno rimanere in isolamento fino a quando l’esito del tampone non sarà negativo. Una necessità che mette in dubbio anche il calendario biancorosso, che prevedrebbe per domenica 10 gennaio l’incrocio col Padova all’Euganeo.

Mai come in questo caso il condizionale è d’obbligo perché anche ipotizzando che Pochesci abbia sufficienti giocatori negativizzati per raggiungere i 13 che rendono obbligatoria la disputa del match, non è per niente escluso che la società decida di giocarsi l’unico gettone stagionale disponibile riservato a chi “in un arco temporale di cinque giorni solari consecutivi, abbia quattro o più calciatori della rosa positivi al virus”,

circostanza che ha buone probabilità di concretizzarsi nei cinque giorni che precedono la data dell’incontro. Le due sospensioni precedenti con Matelica e FeralpiSalò, infatti, sono state disposte dalla Lega Pro sulla base della documentazione presentata dalla società e dall’Ausl di Modena e hanno lasciato il gettone nelle mani di via Marx.Il rinvio farebbe guadagnare tempo sia per recuperare giocatori che per preparare al meglio il ritorno in campo. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA