L'Atalanta cala il pokerissimo: Sassuolo travolto

I neroverdi inesistenti: ancora una volta Gasperini rifila una goleada a De Zerbi

Non c’è caso Papu che tenga. L’Atalanta inizia il 2021 con una prova di forza straordinaria, rifilando un pokerissimo al malcapitato Sassuolo. Il 5-1 del Gewiss Stadium porta la firma in calce di Zapata, autore di una doppietta, e di Pessina autore di un gol, un assist e una prestazione a tutto campo di altissimo livello. L’ex veronese, anche se con caratteristiche diverse, non sta facendo rimpiangere Gomez ormai fuori rosa e sul mercato. Sale invece a cinque gol in campionato Zapata. Il bomber colombiano ha nel Sassuolo una delle sue vittime preferite, con quelle di oggi sono 9 reti da avversario. Il poker lo firma Gosens, di Muriel il quinto gol. Con questa vittoria, l’Atalanta si porta momentaneamente al sesto posto in classifica con 25 punti a -1 proprio dal Sassuolo e con una gara da recuperare. Esame di maturità fallito, invece, per la squadra di De Zerbi. Neroverdi troppo fragili in difesa e di fatto in grado di impensierire Gollini solo ad inizio partita. Paradossalmente il gol lo trova Chiriches, il peggiore in campo. Nell’Atalanta, Gasperini schiera in attacco Ilicic dal primo minuto a supporto di Zapata. Muriel partirà dalla panchina, Pessina sulla trequarti. Nel Sassuolo, De Zerbi risponde con il trio Berardi, Traore e Boga alle spalle del bomber Caputo. Fuori a sorpresa Djuricic, che non figura neanche in panchina. Si gioca sotto una pioggia battente, con il terreno di gioco che regge tutto sommato bene. Pronti via e Sassuolo subito pericoloso con un inserimento micidiale di Muldur, fermato in uscita da un attento Gollini. La squadra di De Zerbi sembra essere più pronta e pimpante, tanto da rendersi pericolosa ancora con un sinistro dal limite di Kyriakopoulos deviato in angolo da Gollini. Alla prima occasione, però, è l’Atalanta a colpire con Zapata all’11’. Il colombiano sfrutta un servizio in area di De Roon, si fa largo di forza fra i difensori neroverdi e di destro batte l’ex Consigli. Sbanda in difesa la squadra di De Zerbi, Atalanta pericolosa a ripetizione con Ilicic, Pessina, Hateboer, Palomino. La squadra di Gasperini è padrona del campo e ogni volta che affonda si rende pericolosa, complice una retroguardia del Sassuolo troppo morbida e poco concentrata. Dopo la mezzora ancora Zapata vicinissimo al raddoppio, prima con un palo clamoroso di sinistro e poi con un colpo di testa di poco fuori. Prima dell’intervallo si rivede il Sassuolo con un destro di Boga debole e centrale. Il gol lo trova però ancora l’Atalanta al 45’, con un destro da centro area di Pessina (il migliore in campo) su assist di Ilicic. In avvio di secondo tempo la squadra di Gasperini cala il tris, ancora con Zapata al 49’ su geniale assist di tacco di Freuler. Difesa del Sassuolo in bambola, tanto che poco dopo Consigli rischia anche di prendere gol da centrocampo da De Roon. La squadra di De Zerbi crolla anche psicologicamente e al 57’ incassa la quarta rete atalantina firmata da Gosens, con un destro dal limite sotto la traversa. Dopo poco più di un’ora di gioco, Gasperini si prende il lusso di far riposare Ilicic e Pessina inserendo Muriel e Malinovskiy. E al 68’, come suo solito, è proprio l’attaccante colombiano a fare centro per il 5-0. Ottavo gol in campionato per lui. A un quarto d’ora dalla fine il Sassuolo trova la rete della bandiera in mischia con Chriches, centro che non assolve il centrale rumeno dalle troppe defaillance difensive.