Domenica è quasi un derby: Massimo Bagatti sfida i gialli col Modena 2

Il mister di Fiumalbo è il tecnico del Legnago di Perna, Luppi, Laurenti e Stefanelli: «Non sarà una partita come le altre»

Federico Sabattini

Sulla panchina del Legnago, al primo anno tra i professionisti e prossimo avversario del Modena, siede il fiumalbino Massimo Bagatti. L’avventura del tecnico modenese in terra veneta iniziò proprio contro i gialloblù, allora allenati da Zironelli, in un’amichevole disputata a Fanano lo scorso 28 luglio 2019 e terminata 1-0 a favore dei canarini. Per mister Bagatti quella di domenica pomeriggio sarà sicuramente una partita dal sapore particolare: “Giocare contro il Modena è già motivo d’orgoglio. E’ una squadra molto forte e ben allenata, con grande organizzazione difensiva e un gruppo di giocatori che lavorano uniti per raggiungere un obiettivo importante”. Per Bagatti sono diversi i punti di forza della formazione canarina: “Il Modena non è primo in classifica per caso. Hanno un reparto difensivo molto forte, tutti sono partecipi e giocano con spirito di sacrificio e in questa categoria è fondamentale. C’è tanta qualità anche in mezzo al campo e in attacco, a partire dalla presenza di quattro punte di altissimo livello”. L’allenatore ex Correggese e Campobasso prosegue poi descrivendo le armi a disposizione di Mignani: “Nel reparto offensivo può contare su punte complete che mi piacciono molto perchè sanno fare tutto, dal giocare spalle alla porta all’attaccare la profondità sfruttando la propria tecnica. Sono perfette per il sistema di gioco che usa il Modena, senza dimenticare Tulissi, i centrocampisti e i terzini. E’ una squadra costruita bene, funzionale al gioco del mister e la giudico una delle migliori del campionato”. Il Legnago di Bagatti, invece, punta alla permanenza in categoria, conquistata grazie al ripescaggio estivo dopo la rinuncia del Campodarsego: “Abbiamo una politica diversa dal Modena, siamo i più giovani del girone e scendiamo in campo con quattro 2000 e un classe ‘99. Per mettere in difficoltà l’avversario, dobbiamo andare a grande velocità. A novembre siamo rimasti fermi causa Covid-19, ora stiamo riprendendo piano piano la miglior condizione e quindi speriamo di fare bella figura. E’ stato complicato e credo che le classifiche risultino falsate a causa di un fattore esterno al calcio”. Quattro gli ex gialloblù presenti nelle fila della formazione veronese: “Perna e Luppi li avevo già allenati a Correggio, mentre Laurenti e Stefanelli sono giocatori validi che alzeranno il livello della nostra rosa. Potranno darci una grossa mano in un campionato che settimana dopo settimana diventa sempre più difficile”. Infine, una piccola curiosità riguardante l’amicizia con Max Allegri: “Ci sentiamo ogni tanto e parliamo di qualsiasi cosa, spero trovi presto una squadra in cui allenare”. —


© RIPRODUZIONE RISERVATA