Il Modena a Legnago prova a rimanere solo in testa

Mister Mignani: «Si gioca come sempre per vincere, ma ripartire dopo una sosta nasconde sempre delle insidie»

Modena. Diciotto giorni dopo il big match vinto a Padova e una pausa natalizia utile per ricaricare le energie fisiche e mentali, il Modena tornerà in campo oggi pomeriggio (fischio d’inizio alle ore 17.30) allo Stadio “Sandrini” contro il Legnago del fiumalbino Bagatti e degli ex Perna, Luppi, Laurenti e Stefanelli. Un esame di maturità importante per i gialloblù, il cui obiettivo è proseguire la striscia di risultati positivi e sfruttare al meglio il pareggio di ieri nell’anticipo tra Cesena e Sudtirol. In caso di vittoria in terra veneta, infatti, il Modena potrebbe balzare in vetta alla classifica del girone B di serie C.

I canarini, che potranno contare sulla miglior difesa d’Italia, sfideranno un Legnago abituato al segno X: la formazione veronese, insieme alla Virtus Verona, ha infatti ottenuto il maggior numero di pareggi in campionato (nove su diciotto match disputati). Vietato dunque abbassare la guardia, così come dichiarato da mister Mignani nella consueta conferenza stampa della vigilia: “E’ la prima partita dopo la sosta e quindi possono esserci sempre sorprese o insidie, mi aspetto un match decisamente combattuto in cui entrambe le squadre proveranno a vincere portando in campo le proprie caratteristiche e il proprio credo calcistico. Credo che la pausa sia capitata nel momento giusto, avevamo bisogno di riprendere fiato e riposare.

Quando siamo tornati ad allenarci, abbiamo lavorato bene sotto tutti gli aspetti e con tanto entusiasmo cercando di ripartire dai nostri punti di forza. E’ vero che essere primi ci ha fatto passare un bel Natale, ma la classifica ora non va assolutamente guardata. Il campionato è lunghissimo, non abbiamo fatto nulla e sappiamo che ci sono ancora tanti punti da conquistare. Il nostro obiettivo attuale è disputare una grande partita a Legnago e provare a vincere”. Servirà massima attenzione e concentrazione per affrontare un avversario giovane, rognoso e alla ricerca di punti pesanti in ottica salvezza: “Sarà una gara complicata contro una squadra aggressiva e organizzata, gli ex vorranno dimostrare qualcosa in più ma noi siamo pronti, carichi e consapevoli che bisognerà correre tanto per raggiungere il risultato”.

Il tecnico genovese, oltre ai soliti Mattioli e Rabiu, dovrà rinunciare a Varutti ma avrà a disposizione il nuovo acquisto Mattia Corradi: “E’ un giocatore che abbiamo seguito in estate e durante la prima parte di stagione a Piacenza. Ha caratteristiche che si possono integrare al meglio nel nostro reparto mediano e può ricoprire diversi ruoli tra cui la mezzala e il trequartista. Si è allenato in gruppo questa settimana, siamo molto contenti del suo arrivo perché porterà ulteriore qualità alla nostra rosa”. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA