Il Modena all’assalto della Virtus Verona, Mignani: «Non vogliamo fermarci»

I gialli oggi al Braglia possono conquistare il titolo d’inverno. Il mister: «Il gruppo è carico e determinato a vincere»

Ultima di andata e primo match casalingo del 2021 per il Modena, che ospiterà oggi al Braglia (17.30) la Virtus Verona di Gigi Fresco.

Reduce da cinque vittorie consecutive, la formazione gialloblù vuole continuare la propria striscia positiva e mantenere il primo posto solitario in classifica conquistato la scorsa settimana col successo di Legnago firmato dalla splendida punizione di Sodinha. Contro la squadra che ha perso solamente tre partite e ottenuto il maggior numero di pareggi in campionato, 11 sulle 18 sfide finora disputate, il Modena dovrà sfruttare i soliti punti di forza per ottenere un altro risultato importante e avere più fame dell’avversario così come dichiarato da mister Mignani alla vigilia: “A prescindere dalla loro classifica, vogliamo scendere in campo con tanta voglia e forza per vincere e chiudere bene il girone d’andata. Mi rendo conto di essere ripetitivo e noioso, ma i loro numeri parlano chiaro. E’ una squadra solida e organizzata che ha perso poche partite e ottenuto tanti pareggi. Mi aspetto un match complicato, sono tanti i presupposti per restare attenti e la classifica non va guardata perchè ogni gara ha una storia diversa. Noi dovremo sicuramente dimostrare di avere più fame rispetto a loro, l’obiettivo è conquistare i tre punti e ce la metteremo tutta per ottenerli”.

Alla guida della Virtus Verona da quasi quarant anni, nel ruolo di allenatore e presidente, c’è Gigi Fresco, personaggio unico che ha portato la formazione del quartiere veronese di Borgo Venezia dalla Terza Categoria alla serie C: “Con i dovuti paragoni è simile a Ferguson del Manchester United. Ho avuto la fortuna e il piacere di conoscerlo personalmente, abbiamo fatto un corso insieme a Coverciano”. Sulla formazione da schierare, Mignani ha le idee chiare: “Avere abbondanza in ogni reparto è un fattore positivo. Scenderanno in campo giocatori in grado di darci affidabilità al 100% sotto l’aspetto fisico, mentre dal punto di vista tattico possiamo scegliere e valutare anche in base all’avversario. Sodinha e Scappini? Partono alla pari dei compagni, sono giocatori che tengo sempre in grandissima considerazione e poi è chiaro che valuto il giorno della partita chi schierare dal primo minuto e chi far entrare a gara in corso per cambiare l’andamento del match”.

Chiusura dedicata al mercato, che ha visto il Modena protagonista sia in entrata (Corradi e De Santis) che in uscita (Laurenti e Stefanelli al Legnago, Milesi alla Carrarese): “Parlo e mi confronto quotidianamente con la società. L’ultima cessione è dovuta al fatto che il giocatore ha manifestato la volontà di andare a giocare ed effettivamente tra i centrali è stato quello che ha avuto meno spazio. Al suo posto abbiamo trovato una soluzione all’altezza portando a Modena un giocatore duttile e intelligente a livello tattico, spero possa inserirsi presto nei nostri meccanismi difensivi. Per quanto riguarda l’attaccante (in arrivo Davide Luppi) non ho fatto richieste particolari, la società sta valutando le soluzioni per rinforzare e migliorare ulteriormente la rosa ma non abbiamo nessuna fretta e come successo in estate aspetteremo il momento giusto per concludere le eventuali trattative”. —
<SC1038,169> RIPRODUZIONE RISERVATA