Modena. Scappini: «Mi manca il gol, ma arriverà presto»

«Vivo per segnare e tutta la squadra ha bisogno delle reti di noi attaccanti. A cominciare dal Gubbio» 

MODENA C’è tanta voglia di riscatto in casa Modena dopo l’amara sconfitta con la Virtus Verona. Stefano Scappini, che ha ritrovato proprio domenica scorsa la maglia da titolare, vuole dimenticare in fretta il ko dell’ultimo turno e cominciare nel miglior modo possibile il girone di ritorno conquistando i tre punti contro il Gubbio: “Meritavamo di più, la prestazione c’è stata ma purtroppo non è bastato per ottenere un risultato positivo. Dobbiamo continuare a lavorare al massimo ogni giorno e fare ciò che ci chiede il mister, cercando di ripartire al meglio nella prossima gara. Contro la formazione eugubina mi aspetto una partita tosta e difficile, ma noi vogliamo riprendere il nostro percorso”.

L’obiettivo dell’attaccante umbro, che ha colpito due pali clamorosi contro Legnago e Virtus Verona, è sbloccarsi e tornare al gol dopo diverso tempo: “Segnare mi manca tanto, gli attaccanti vivono per questo ma credo che non debba diventare un pensiero costante perchè sono sicuro che i gol arriveranno presto. Ventuno reti totali non sono tante e quindi è necessario migliorare ed essere più coraggiosi. E’ chiaro che il Modena ha bisogno dei gol degli attaccanti, siamo comunque sulla strada giusta e stiamo facendo il massimo per arrivare in alto. Il mio futuro? Sicuramente in maglia gialloblù, abbiamo un percorso da finire tutti insieme nel miglior modo possibile”.

Sono attualmente quattro le punte a disposizione di Mignani e secondo il classe ‘88 servirà lavorare quotidianamente per affinare ancora di più l’intesa di gioco: “Dobbiamo crescere soprattutto in questo aspetto. Personalmente mi trovo bene con tutti, abbiamo caratteristiche diverse ed è un vantaggio per il mister che può scegliere in base agli avversari”.

Scappini, infine, invita a pensare al presente e a non guardare la classifica che vede ora i canarini al secondo posto: “Può succedere ancora qualsiasi cosa, dobbiamo vivere alla giornata e dare il 100% in ogni partita. Questo è un gruppo unito e sano, vogliamo lottare fino all’ultimo e da qui in avanti servirà tranquillità e serenità senza farci prendere dall’ansia”. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA