Christenson «Non siamo favoriti? Meglio, entreremo in campo molto più sciolti»

«E poi si gioca con la stessa rete la stessa palla e lo stesso campo C’è un solo modo per battere una squadra come gli umbri: dare il massimo e basta» 

Francesco Cottafava

Modena Volley ha iniziato nel migliore dei modi i playoff scudetto, vincendo gara 1 contro Ravenna al Pala Panini. Non c'è tempo però per riposarsi per la truppa gialloblù perché martedì, sempre al Pala Panini, andranno in scena i quarti di finale di Champions League.


CHAMPIONS, ARRIVIAMO

L'avversario della Leo Shoes è il peggiore possibile, ovvero la Sir Safety Perugia. La corazzata umbra è una delle grandi favorite per alzare la coppa europea più prestigiosa, ma Christenson ha idee completamene diverse: «Non siamo favoriti e quindi sì, possiamo dire che entreremo in campo più sciolti. Ma io non guardo mai prima della sfida chi è la squadra favorita, perché si gioca con la stessa rete, la stessa palla e lo stesso campo. Dovremmo sempre scendere in campo sciolti e liberi mentalmente, perché solo in questo modo si può dare il 100%. Proveremo a giocare al massimo delle nostre potenzialità e basta. Sono queste le chiavi per provare a battere Perugia: siamo in crescita, sappiamo che possiamo esprimere un'ottima pallavolo con la quale mettere in difficoltà la Sir Safety. Erano dieci giorni che non giocavamo un match ufficiale, avevamo un po' di ruggine ma ce la siamo tolta sabato contro Ravenna».

CHE BELLI I PLAYOFF

Proprio contro Ravenna si è iniziato finalmente a respirare l'aria dei playoff, anche senza la presenza del pubblico. «Per me è stupenda l'atmosfera dei playoff, c'è una emozione e una competizione unica durante la partita. Se vuoi vincere, le emozioni sono decisive, è la cosa bella che contraddistingue lo sport. Ci divertiamo tanto, siamo tutti professionisti e “signori”, quello che succede in campo rimane in campo. Siamo tutti competitivi noi giocatori, per me è sempre bella questa atmosfera, anche se c'è un po' di nervosismo o qualche litigio». Riferimento puramente casuale ai continui battibecchi tra Giani e Bonitta, coach di Modena e Ravenna.

UN OTTIMO ESORDIO

Un 3-0 convincente quello di Modena contro Ravenna, match indirizzato dagli oramai soliti ace vincenti del capitano canarino.

«Ho avuto anche un po' di fortuna perché alcuni palloni erano veramente al limite, ma la difesa di Ravenna li ha lasciati andare e sono finiti proprio sulla riga. In questa stagione mi sento molto bene dalla linea dei nove metri, cerco poi di non fare tanti errori per cercare di fare break con la difesa ed il muro. Contro Ravenna abbiamo imparato dai nostri errori, riuscendo a concludere a nostro favore azioni complicate. Vogliamo continuare a migliorare nelle situazioni dove non siamo forti, in molte occasioni siamo usciti da situazioni in cui, solitamente, ci incastravamo, per questo sono molto orgoglioso dei miei compagni». —