Sassuolo, numeri incredibili per Caputo: è già in doppia cifra, pronto il rinnovo di contratto

Nonostante non sia al top, per il 33enne bomber dal 24 gennaio ad oggi 4 gol nelle ultime 5 partite, per un totale di 10 

Ad addolcire l'amarezza della mancata vittoria col Bologna, ci sono i numeri di Francesco Caputo. Sì, perché se il Sassuolo ha più di un rimpianto per le occasioni da gol non sfruttate e per quei due punti che non sono arrivati, ha almeno la gioia di avere in casa un bomber di razza e di sapere che lo avrà ancora per un bel po'.

Nel weekend in cui ha annunciato il suo imminente rinnovo coi neroverdi fino al 2023, Ciccio ha segnato la rete dell'1-1 (che non sarà bottino pieno, ma almeno è qualcosa) e ha raggiunto quota dieci centri in campionato, arrivando alla doppia cifra per il terzo anno consecutivo in Serie A.


Dopo lo stop per infortunio alla fine del 2020, il 33enne attaccante di Altamura è rientrato partendo un po' a rilento, salvo poi riprendere il suo ritmo, un gran bel ritmo, nell'ultimo mese. Dal 24 gennaio ad oggi, sono 4 i gol segnati in 5 partite, 3 nelle ultime 3, a cui va aggiunto l'assist per Berardi nel gara col Crotone.

I numeri di Caputo sono numeri da fenomeno, a testimoniarlo sono anche i nomi con cui è in competizione da tre stagioni a questa parte, in cui ha segnato 47 volte, meglio di lui nello stesso arco di tempo hanno fatto solo Cristiano Ronaldo (68), Immobile (65) e Zapata (49).

Al termine del derby col Bologna, il tecnico Roberto De Zerbi ha sottolineato che il 9 neroverde non è ancora al top fisicamente (è in ripresa dopo essere stato tormentato dalla pubalgia), sebbene sia evidentemente in crescita, come a dire che la possibilità di raggiungere il dato dell'anno scorso, ovvero 21 reti, sia una possibilità molto concreta, per la gioia del giocatore, ma anche e soprattutto del Sassuolo, che si gode una punta così prolifica per la prima volta da quando è nella massima categoria.

Di fronte alla continuità di Ciccio, infatti, le pur ottime stagioni di Zaza, Defrel e del miglior Boateng in versione falso nueve si trovano ad essere surclassate e di parecchio. Questo va di pari passo con la crescita del club emiliano che, da quando ha trovato il suo bomber, si trova stabilmente alle spalle delle big del campionato.

Se questo basterà o meno per fare un ulteriore salto e per raggiungere l'Europa, dipenderà da tanti fattori, in primis dalla freddezza sotto porta anche degli altri (“dettaglio” che nella partita di sabato sera ha fatto la differenza in negativo), poi dalla riduzione o meno delle sviste in fase difensiva e, cosa non da poco, da quanto sbaglieranno le “sette sorelle” che sono davanti da qui alla fine del campionato.

Forse un attaccante con prestanza fisica diversa avrebbe fatto molto comodo nelle partite in cui si fatica a superare il muro avversario davanti alla porta, lo ha ammesso lo stesso De Zerbi dopo l'1-1 col Bologna, “Scamacca lo avremmo preso volentieri”, le parole del mister del Sassuolo, ma al momento tocca “accontentarsi” di Ciccio Caputo e, considerando i numeri, non è di certo un grosso sacrificio. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA