Contenuto riservato agli abbonati

Matteassi: «Non mi volto indietro, il Modena deve guardare avanti»

«A Bolzano faremo una grande partita». Ieri mister Mignani, ristabilito, ha incontrato i gialli al campo

Federico Sabattini

E’ già vigilia di campionato per il Modena, impegnato domani pomeriggio (ore 17.30) a Bolzano contro il Sudtirol secondo in classifica e reduce dal poker casalingo rifilato all’Imolese.


Il ds Luca Matteassi è sicuro che in terra altoatesina la formazione gialloblù disputerà una grandissima partita: “Ne sono assolutamente convinto. Tutte le gare sono importanti in ugual modo, vogliamo arrivare il più in alto possibile e daremo come sempre il massimo per raggiungere il nostro obiettivo. Affrontiamo un avversario forte con qualità e struttura, andremo là per metterli in difficoltà e per offrire una prestazione all’altezza. Mi aspetto un match bello e tosto perché in palio ci sono tre punti pesanti. I ragazzi stanno bene dal punto di vista fisico e mentale, c’è dispiacere per la mancata vittoria contro il Mantova ma anche tanta voglia di dimostrare la propria forza”.

Il direttore sportivo ha poi commentato il deludente 1-1 di domenica al Braglia con la compagine virgiliana, un pareggio che non ha cancellato del tutto il ko contro il Carpi: “Ho visto una squadra che nel primo tempo ha fatto molto bene, c’è rammarico per non averla chiusa e per non aver sfruttato alcune situazioni interessanti. Nella seconda frazione di gioco, invece, siamo un po’ calati, abbiamo trovato meno spazio e subito la rete del pareggio. I ragazzi hanno dato il massimo dall’inizio alla fine e quindi c’è poco da recriminare”.

Le condizioni di Michele Mignani migliorano giorno dopo giorno e il suo ritorno a pieno regime si avvicina: “Sta bene, ha visto la partita, ci siamo parlati tanto ed è venuto al campo per incontrare la squadra. Si aspettava la vittoria, ma il suo e il nostro pensiero è rivolto alle prossime sfide. Penso che il mister rientrerà in panchina domenica prossima nel derby contro il Cesena”.

L’attacco del Modena fatica a trovare la via della rete, mentre la difesa ha subito gol per la quinta partita consecutiva: “E’ chiaro che si può sempre fare meglio, in ogni reparto. Su Scappini è stata una scelta tecnica, ma a disposizione del tecnico c’erano anche altri attaccanti.

Per quanto riguarda il reparto arretrato, è un momento in cui paghiamo ogni minimo errore. Ora dobbiamo conquistare il maggior numero di punti per arrivare in alto anche in ottica playoff e poi vedremo cosa succederà in queste ultime otto giornate”.

Quello attuale rischia di diventare il campionato dei rimpianti: “Ce ne sono per alcuni punti persi, ma è anche vero che in altre occasioni è capitato il contrario.

Siamo lì a giocarcela in un girone difficilissimo e con società che hanno fatto parecchi investimenti, è inutile voltarsi indietro e piangere sul latte versato. Bisogna pensare avanti, perdere la negatività e guardare al futuro con ottimismo”.

Conclusione dedicata ai tifosi canarini: “Ognuno è libero di dire la sua opinione, ma a loro dico che stiamo dando il massimo. Dispiace vengano mal interpretate alcune dichiarazioni o interviste perché noi lavoriamo al meglio per il bene del Modena e i ragazzi stanno onorando la maglia fin dal primo giorno. La squadra invece deve pensare solo al campo, continuare a lavorare a testa bassa andando per la propria strada e sbagliare il meno possibile da qui a fine stagione”. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA