Berardi e Caputo infortunati: in dubbio per Sassuolo-Roma

L’esterno calabrese ha accusato un risentimento muscolare agli adduttori, il centravanti bloccato dalla lombalgia. Restano in azzurro Locatelli e Ferrari 

Paolo Seghedoni

E’ finita anzitempo l’esperienza in questa finestra di impegni con la nazionale italiana per Domenico Berardi e Francesco Caputo. Due dei quattro neroverdi chiamati da Roberto Mancini, infatti, sono stati costretti a rientrare a Sassuolo prima delle due trasferte in Bulgaria prima, la gara si disputa questa sera, e Lituania poi, incontro previsto per mercoledì 31. Berardi, grande protagonista del successo contro l’Irlanda del Nord con il gol del vantaggio e con una prestazione di alto livello, è stato fermato da un risentimento muscolare agli adduttori che tolgono all’esterno neroverde la possibilità di proseguire un cammino esaltante (tre gol nelle ultime tre gare degli azzurri, quattro centri nelle ultime cinque) e che mettono in dubbio la presenza di Berardi sabato prossimo nella gara interna contro la Roma. Caputo, invece, che teoricamente era destinato a giocare la terza e ultima partita di questo primo ciclo di gare per il girone di qualificazioni ai mondiali in Qatar, è stato costretto a fermarsi a causa di una lombalgia. Sia Berardi che Caputo sono già rientrati a Sassuolo, proprio alla vigilia della partenza alla volta della Bulgaria, un vero peccato sia per le condizioni superlative dell’esterno che per la possibilità di giocarsi un posto per Caputo che attualmente sembra chiuso da Immobile e Belotti ma che, per caratteristiche tecniche, sembra sposarsi meglio con l’idea di calcio proposta da Roberto Mancini. Restano invece in azzurro sia Manuel Locatelli, che ha giocato la prima gara contro l’Irlanda del Nord, che Gian Marco Ferrari. Il difensore centrale è ancora in attesa dell’esordio con la maglia della nazionale italiana, nonostante sia ormai alla terza convocazione. Per Ferrari potrebbe esserci uno spiraglio, probabilmente appunto nella terza gara in Lituania, quella che doveva essere teoricamente l’occasione giusta per vedere in campo Caputo dopo Immobile e Belotti, che scenderà in campo contro la Bulgaria. Di certo per Berardi e Caputo resta l’amarezza di non poter proseguire questa esperienza. L’attaccante esterno sembra aver scalato posizioni e il suo posto nei 23 da portare agli Europei è piuttosto probabile, meno facile invece trovare spazio per Caputo che in questa stagione è stato finora limitato da problemi fisici, anche se il suo bottino di reti è comunque già piuttosto importante. Con 11 gol (gli stessi di Berardi) Caputo è dietro ai soli Immobile e Insigne tra gli italiani ed è pari proprio a Belotti. La corsa per un posto agli Europei si complica, ma non è ancora detta l’ultima parola anche perché Mancini stima molto il centravanti pugliese del Sassuolo. —


© RIPRODUZIONE RISERVATA