Grande rabbia in casa Carpi per l’ennesimo torto arbitrale Sono già sei i gol annullati

Fa ancora discutere l’inesistente rigore costato al 94’ il pari con la Virtus Verona Marcellusi infortunato: per lui 10 giorni di stop 

Fabio Garagnani

Il Carpi è quantomeno sfortunato, perché a pensar male si rischia di entrare nel gorgo del complottismo: l’elenco di decisioni arbitrali indigeste di questa stagione è davvero lunghissimo. Per certi numeri, relativi ai gol annullati, addirittura clamoroso. Domenica si è aggiunto il rigore fischiato al quarto minuto di recupero da Maria Sole Ferrieri Caputi per un fallo di mano di Venturi in area che neppure guardando e riguardando le immagini televisive si riesce a cogliere. Una scoppola pesantissima per la squadra di Pochesci, che ora si trova a guardare l’ultimo tratto di campionato con qualche timore, ingigantito dalla vittoria del Legnago a Cesena. Un fischio che si va ad aggiungere ad una lista in cui ci sono già parecchi torti, come detto spesso legati ai gol annullati, ben sei: quattro regolari una volta rivisti al microscopio, un quinto arrivato pochi decimi di secondo dopo il fischio dell’arbitro, un sesto in dubbio perché il possibile 2-1 di Bellini al Cabassi contro la Triestina potrebbe aver toccato Maurizi in posizione di fuorigioco, nonostante la palla fosse ormai in porta. Dal possibile vantaggio in quella occasione si passò allo svantaggio, un cliché che si è ripetuto nelle ultime due partite generando ulteriore rammarico dalle parti di via Marx.


Intanto arrivano brutte notizie dall’infermeria: per Marcellusi si segnala una distrazione muscolare alla coscia destra con recupero presumibile in dieci giorni dall’infortunio. Una tempistica che lascia sperare un recupero per la gara interna contro il Matelica del prossimo 11 aprile. Per il portierino Pozzi, l’ecografia all’anca sinistra ha rilevato “segni di tendinopatia inserzionale a carico dei tendini del gluteo medio e minimo cui si associano irregolarità del profilo corticale del grande troncantere e una sottile raccolta lamellare perimetrocanterica per circa 1.8 cm a tipo borsite”. I tempi di recupero, considerando un riposo assoluto stabilito in 15 giorni, sono da intendersi nell’ordine delle tre settimane. Oltre ai due infortunati, alla ripresa di ieri mancavano anche il convalescente Rossini e Mastour, che verso mercoledì potrebbe però aggregarsi al gruppo per riprendere con un percorso di allenamenti personalizzati atti a velocizzare il completo recupero. —