Un bel Sassuolo riprende due volte la Roma

Prova coraggiosa dei neroverdi salvati all'85' da "capitan" Raspadori

La pausa non è servita. La Roma dopo i due pesanti ko con Parma e Napoli torna a casa con un punto che rallenta ulteriormente la sua corsa per la zona Champions subendo il sorpasso in classifica dalla Lazio che la spodesta dal sesto posto, l’ultimo utile per restare in Europa. È da quasi un mese che manca ai giallorossi la vittoria in campionato e la squadra di Fonseca in casa degli emiliani l’ha gettata via due volte, facendosi rimontare dal Sassuolo che allunga a quattro le partite consecutive da imbattuto al ’Mapei Stadium’. Per i giallorossi un pareggio che non aiuta la classifica e può incidere sul morale in vista della sfida nei quarti di Europa League contro l’Ajax. Non è bastato il rigore di Pellegrini a metà del primo tempo e la rete di Bruno Peres dopo aver subito il pareggio di Traorè per una disattenzione difensiva. La formazione capitolina continua spesso a giocare ad intermittenze e nel finale subisce la rete di Raspadori che premia il coraggio e la determinazione del Sassuolo, capace di non mollare mai e di provare fino all’ultimo di ottenere un meritato pareggio, per le occasioni create. La Roma non è riuscita a far valere la qualità dei suoi giocatori: Spinazzola ha servito una infinità di cross ma in fase realizzativa sia El Shaarawy che Mayoral hanno commesso una serie di errori che alla lunga sono risultati fatali. Al momento la squadra di Fonseca, unica impegnata nelle coppe continentali, è fuori dall’Europa. Servirà un cambio di passo per evitare il flop Fonseca, dopo Cristante, adatta anche Karsdorp nella difesa a tre con Bruno Peres e Spinazzola sulle fasce. In attacco Borja Mayoral preferito a Dzeko con Perez ed El Shaarawy a supporto. Nel Sassuolo De Zerbi deve rinunciare ai nazionali italiani e si affida al trio Boga-Traore-Djuricic alla spalle di Raspadori con Lopez al fianco di Obiang in mediana. I padroni di casa partono subito veloce e si costruiscono due occasioni nitide in cinque minuti, la prima con Djuricic su un filtrante di Raspadori e la seconda con Traorè che spreca da ottima posizione su tiro di Boga deviato da Mancini. Gli emiliani vedono i giallorossi poco reattivi e accelerano la manovra colpendo un palo al 12’ su un tiro ad incrociare di Maxime Lopez. La Roma si sveglia, capisce che rischia troppo e alza così il suo baricentro facendosi subito pericolosa con Perez in acrobazia su cross dal fondo di Spinazzola. La squadra di Fonseca inizia a prendere le misure, cambia assetto tattico e accelera il ritmo conquistandosi al 24’ un rigore per atterramento di Perez, tra i più attivi, da parte di Marlon. Dal dischetto il capitano Pellegrini non sbaglia. La Roma controlla con ordine, rischia qualche affondo dei neroverdi mantenendo però il baricentro basso con il chiaro obiettivo di continuare a sfruttare gli spazi in ripartenza. Il Sassuolo, che paga una panchina molto corta, nella ripresa è obbligata a migliorare la sua capacità realizzativa. De Zerbi si sbraccia e strilla, chiede più intensità, ritmo, pressing e velocità per cercare di arrivare prima sul pallone, evitare alla Roma di impostare e raddoppiare le occasioni da rete. Al 53’ Boga sbaglia a due passi dalla porta calciando alto sulla traversa su cross basso, poi è Pau Lopez a compiere una prodezza su Raspadori ma dopo le sei occasioni costruite arriva la rete di Traorè su una sponda di testa su calcio d’angolo e rete di petto sulla linea. La Roma ha subito l’occasione di riportarsi in vantaggio con El Shaarawy che sfrutta un lancio millemetrico di Diawara arriva tutto solo davanti a Consigli facendosi ipnotizzare dal portiere. Alla Roma serve qualcosa in più, il suo gioco finisce per essere troppo speculativo e aumenta così il ritmo una volta usciti dal primo pressing. Dopo un altro tentativo di El Shaarawy con un destro facc, al 69’ la Rma torna in vantaggio con Bruno Peres che raccoglie l’ennesimo cross di Spinzaaola sporcato leggermente dal Faraone: il brasiliano incrocia di destro e mette alle spalle di Consigli. Il Sassuolo però non demorde, alza la sua intensità e viene premiata all’85’ con il giovane capitano Raspadori che dopo la rete con l’under 21 chiude nel migliore dei modi possibile la sua settimana più bella iniziata con la rete del pareggio. La Roma vede il treno Champions allontarsi sempre di più. mal