Luppi: «Il Modena ha ritrovato il passo giusto e tanta fiducia»

«C’è stato un bel cambio di ritmo dopo la flessione provocata anche dal campo dello Zelocchi. Temo più il Legnago del Padova e l’attacco sta facendo bene» 

Federico Sabattini

Ha segnato il suo terzo gol stagionale con la maglia gialloblù, il primo su azione, che ha permesso al Modena di aprire le marcature nel netto 3-0 rifilato al Padova. Davide Luppi è carico in vista di un rush finale in cui i canarini vogliono essere protagonisti: “Rispetto a ciò che ho detto a gennaio non è cambiato nulla, l’obiettivo è lo stesso, siamo pronti a giocarcela fino all’ultimo e anche domenica abbiamo dimostrato il nostro valore. E’ normale che un attaccante cerchi sempre la via della rete, è piacevole segnare ma ciò che conta è il bene della squadra e ottenere i tre punti”. Il classe ‘90 prova a spiegare così i motivi per cui il Modena non è riuscito a mantenere il passo delle tre big davanti in classifica: “Tra le tante cause ritengo ci siano anche le difficili condizioni dello Zelocchi. Quando ci siamo spostati al Braglia, le cose sono migliorate e i risultati sono cambiati in senso positivo. Dal punto di vista personale ho notato un bel cambio di ritmo dopo il calo e la flessione delle settimane precedenti, le ultime vittorie ci hanno poi dato ancora più fiducia e consapevolezza nei nostri mezzi”. Mister Mignani ha usato spesso Luppi nel ruolo di trequartista: “Avere abbastanza libertà è molto importante e mi permette di poter rendere nel miglior modo possibile e di toccare parecchie volte il pallone. Mi sto trovando bene”. Domenica sera al Braglia è atteso il Legnago dell’ex capitano gialloblù Armando Perna: “E’ una squadra che conosco, avendoci giocato fino a gennaio prima del mio approdo a Modena. Hanno intensità e doti fisiche importanti, puntano sui ritmi alti e si tratta di una partita che mi fa più paura rispetto a quella contro il Padova. Sfideremo un avversario che arriverà qua con il coltello tra i denti, servirà la massima attenzione e la speranza è di poter rovinare il compleanno di Armando (ride, ndr)”. Secondo Luppi, il reparto offensivo non merita le numerose critiche ricevute: “Abbiamo bisogno dell’aiuto di ogni singolo giocatore, compresi coloro che stanno trovando meno spazio per diversi motivi. So che l’attacco viene spesso criticato, ma non capisco perché ci si debba fossilizzare sempre su questo aspetto. Il Modena sta disputando un campionato di vertice, ha dimostrato di potersela giocare con le grandi e il merito è anche degli attaccanti che portano avanti un lavoro importante in grado di agevolare il compito degli altri reparti”. Conclusione dedicata alla Superlega europea, sospesa clamorosamente nelle scorse ore: “Sul piano teorico non era nemmeno una brutta soluzione, ma capisco bene che il calcio è di tutti e non si può togliere ad una piccola il sogno di battere una big”. —


© RIPRODUZIONE RISERVATA