Green Warriors una domenica meravigliosa: trionfa con Macerata ed è nei playoff per la A1

Sassuolo dà spettacolo e con una prova di forza si impone 3-1. Mercoledì 12 gara 1 dei quarti ancora con le marchigiane 

Fabio Rossi

Chi ha detto che nel volley dei giorni nostri non ci sono più belle storie o favole meravigliose che diventano realtà? Chiedete alle ragazze della Green Warriors e loro vi racconteranno di quale magia siano state capaci, partita dopo partita, settimana dopo settimana in una stagione mai così difficile da vivere per tutti.


Loro, le “ragazzine terribili” di Sassuolo, poco o nulla considerate ad inizio stagione, avevano promesso alla società e al loro granitico coach Enrico Barbolini di stupire il mondo intero. Missione compiuta, a testa alta, anzi altissima, in una domenica di inizio maggio che da giorno qualsiasi si trasforma in una data speciale, quella dell’ingresso aritmetico nei playoff per la promozione in A1.

Si gioca alla “Consolata”, molto più di una semplice palestra, ma il palcoscenico di tutte le imprese degli ultimi anni: in programma il recupero della quarta giornata di andata contro Macerata, uno dei tanti clienti scomodi con cui hanno dovuto fare i conti le “Super Green” del presidente Borruto. Questa volta, a differenza del mercoledì precedente contro Soverato, non c’è nemmeno bisogno di fare calcoli, attendendo il risultato finale: la vittoria di Roma a Cutrofiano di un paio d’ore prima ha infatti dato il via ai festeggiamenti, con la squadra della Capitale promossa in A1 e la consacrazione di Sassuolo tra le magnifiche otto che si batteranno per l’altro posto utile al grande salto nel paradiso del volley. Una gran bella notizia che mette le ali a Dhimitriadhi (17 punti, 14 su 31, 45% in attacco, 1 muro, 2 ace)e compagne protagoniste di un primo set da manuale in cui vanno sotto di due (4-6) per poi inserire una marcia in più e staccarsi come e quando vogliono, grazie ad Antropova, decisiva in battuta ed in attacco (per lei alla fine 30 punti pesantissimi 22 su 55 in attacco, 40%, 4 muri e 4 ace), e a una prova di squadra impeccabile. In regia c’è una coraggiosa e brava Pasquino con Spinello ancora in stampelle in tribuna. Il 25-13 con cui Sassuolo va al cambio di campo dice tutto sulla superiorità delle padrone di casa.

Secondo set: coach Paniconi manda in campo l’opposta Renieri e la centrale Mancini, titolari tenute inizialmente a riposo, ma è ancora la Green Warriors a giocare meglio e a scappare in un attimo sul 5-1. Macerata, quarta in classifica, trova la voglia di non farsi travolgere e si avvicina due volte, prima a - 2 (9-11, 13-15), poi a -1 (20-21 da 15-20 e 22-23) riaprendo il set. Salinas Sol, in una giornata esaltante (25% in attacco) ha però il merito di mettere a terra il 24-22, Civitico, con un muro imperioso, 4 in totale per lei nel match, sbarra il cammino a Pomili: 25-23, 2-0. Set numero 3 tiratissimo: Macerata va sul 24-22, Dhimitradhi e ace di Civitico per il 24-24.Un altro set ball annullato, poi però al quarto Peretti chiude a muro: 25-27, 2-1. Un’altra squadra vacillerebbe non queste ragazze strepitose. Barbolini conferma Magazza in zona 4 (6 punti preziosi, tra cui 1 muro e 1 ace per lei) e fa esordire anche la giovanissima Maya Borlengo, classe 2006, al centro. Sassuolo dà spettacolo e strapazza e le rivali chiudendo 25-13 e 3-1. Appuntamento a mercoledì 12 con gara 1 dei playoff, sempre alla Consolata, sempre contro Macerata. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA