Habib risponde nel finale a Farina Il Formigine recupera la Cittadella

Gara sbloccata da un’incursione del difensore centrale dei padroni di casa Ripresa di marca ospite: incrocio dei pali di Dallari prima dell’inzuccata della punta

Gabriele Canovi

modena. Nel primo derby modenese di questa Eccellenza 2.0, Cittadella e Formigine si dividono la posta in palio. Si sa, le stracittadine sono partite dove non conta essere più o meno bravi, sono gare dove non è solo una questione di classe e talento. Il vero fattore X di queste sfide è la voglia di non mollare nemmeno un centimetro.


Nel ventoso pomeriggio del “Botti”, si respira l’aria delle grandi occasioni, i nervi sono tesi e la tensione in campo è palpabile fin dalle prime battute di gioco. Le potenti folate condizionano il modo di giocare delle due squadre che provano comunque a tenere la a terra. È degno di nota il pressing decisamente aggressivo con cui il Formigine inizia la sfida, pressione che rende difficoltosa la costruzione dal basso della Cittadella. L’assoluto equilibrio della prima mezz’ora di gara viene interrotto dal guizzo di Farina, che regala il temporaneo vantaggio alla truppa di mister Paganelli. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, il numero 5 della Cittadella è il più lesto di tutti ad avventarsi su una palla vagante all’altezza dell’area piccola e a spingerla in rete.

Il gol subito non scuote la compagine verdeblù che fatica a reagire dopo il colpo incassato. Nel finale della prima frazione di gioco i padroni di casa, trascinati da un ispiratissimo Casta, provano a legittimare il vantaggio, senza però creare particolari grattacapi.

Nell’intervallo mister Ferraboschi ridisegna il suo Formigine cambiando il portiere e inserendo Zampino, escluso a sorpresa dall’undici titolare. E la partita si accende. Il Formigine, rivitalizzato, approccia meglio e sfiora la rete del pareggio con Dallari. È l’incrocio dei pali, colpito direttamente da calcio di punizione, a negare la gioia del gol al difensore classe ’80. Una manciata di minuti più tardi è il guardalinee a negare la rete agli ospiti, annullando per fuorigioco la conclusione in spaccata di Zampino. La Cittadella, calata nel secondo tempo e in affanno sotto i colpi degli ospiti, si aggrappa alle vampate di talento di Casta, unica spina nel fianco per la linea difensiva avversaria nel finale di partita. Il fortino dei padroni di casa crolla al 87’ con la giocata di Habib. Da vero rapace d’area di rigore, l’esperto centravanti 33enne anticipa di testa l’uscita di un incerto Bianculli e regala il definitivo pareggio ai suoi. Nei minuti di recupero il Formigine accarezza l’idea del clamoroso ribaltone, andando vicinissimo alla rete della vittoria con una doppia occasione firmata Hoxha e Zampino. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA