Contenuto riservato agli abbonati

Spalletti, blitz a Sassuolo: pranzo al “Due Pini” poi incontro con De Zerbi

L’ex tecnico di Roma e Inter, ora nel mirino del Napoli, ha fatto visita ai neroverdi al Mapei Football Center assieme a Silvio Baldini 

Avvistato. Luciano Spalletti mercoledì era a Sassuolo, per l'esattezza a Corlo, all'Hotel Due Pini, sede dei ritiri e degli incontri importanti dei neroverdi. È lì che poche settimane fa avevano pranzato Francesco Totti e Vincent Candela insieme ai vertici della società e allo staff tecnico, ed è lì che un paio di giorni fa si trovava l'ex mister giallorosso insieme all'amico Silvio Baldini, ex allenatore della Carrarese. I due si sono poi recati al Mapei Football Center, dove hanno incontrato la squadra, Roberto De Zerbi e i suoi collaboratori, oltre al direttore sportivo Giovanni Rossi. Dopo l'esperienza all'Inter, Spalletti è attualmente “disoccupato” e alla ricerca di una panchina per la prossima stagione, panchina che potrebbe essere quella del Napoli, con Gattuso già pronto a fare le valigie. L'allenatore toscano ha approfittato del tempo libero per venire a dare un'occhiata al mondo Sassuolo. Qualche mese fa, un altro suo illustre collega aveva fatto visita ai neroverdi, il grande ex Massimiliano Allegri, mentre ai tempi di Di Francesco sugli spalti del Ricci si erano visti Fabio Cannavaro (allora in rosa c'era il fratello Paolo) e Pippo Inzaghi. Il tecnico toscano era in visita di cortesia, ma vuoi mai che il modello Sassuolo non lo colpisca così tanto da farci pensierino per il futuro, il 4-2-3-1 è pronto e la panchina potrebbe essere libera dalla prossima stagione se, come dicono da giorni in Ucraina, tra De Zerbi e lo Shakhtar è cosa fatta. La tranquillità dell'ambiente unita alle ambizioni della dirigenza fanno di Sassuolo un'isola più felice di altre, ma questo ha un costo, il taglio dell'ingaggio per l'ex nerazzurro sarebbe necessario. Mai dire mai. In fondo, alla Roma doveva arrivare Sarri e invece è arrivato Mourinho, al Sassuolo tutti aspettano Italiano o Dionisi, ma sognare in grande è un vizio della casa... —