Gerli: «Una squadra vale l’altra perché tutto dipenderà dal Modena»

«Ci stiamo allenando molto bene, concentrazione ed entusiasmo le armi per fare bene ai playoff»

Federico Sabattini

MODENA. E’ un giocatore fondamentale e imprescindibile per il Modena, che ora si sta preparando al meglio per i playoff. Stiamo parlando di Fabio Gerli, punto di riferimento principale del centrocampo a disposizione di Michele Mignani. Il classe ‘96 analizza così l’attuale situazione in casa gialloblù: “Abbiamo conquistato, grazie al miglior quarto posto dei tre gironi, la possibilità di entrare direttamente alla fase nazionale e di riposarci per arrivare nel miglior modo possibile all’appuntamento della prossima settimana. Ci stiamo allenando bene e sono sicuro che ci faremo trovare pronti, in attesa di conoscere a metà della prossima settimana il nome del nostro avversario”.


Insieme al tecnico genovese e con la maglia del Siena nella stagione 2017/18, Gerli ha sfiorato la serie B proprio tramite i playoff: “Un percorso diverso e con tante differenze. Era un girone competitivo, ma non come quello che abbiamo appena affrontato. Il quarto posto di quest’anno equivale al secondo posto di tre campionati fa. Purtroppo saltai la finale in gara secca con il Cosenza causa squalifica, una partita che se vinta poteva cambiare la carriera di ognuno di noi. Per fortuna ora le partite sono di andata e ritorno e quindi se va male ne salto solo una (ride, ndr)”. 37 presenze collezionate e un gol segnato contro l’Arezzo, questo il bilancio personale del regista romano: “E’ stata un’annata tutto sommato positiva sotto ogni aspetto. Il momento migliore è stato verso dicembre con il primo posto ottenuto, pensavamo di potercela giocare fino alla fine ma tra febbraio e marzo abbiamo avuto alcune difficoltà che ci hanno costretto a perdere punti e posizioni. Tranne il problema avuto a gennaio, sono sempre stato bene e preferisco giocare piuttosto che riposare. Il miglior allenamento è scendere in campo”.

Ecco la ricetta di Fabio Gerli per affrontare al meglio i playoff: “E’ ovvio che la posta in palio è alta, mi aspetto partite difficili e servirà mantenere il livello di concentrazione sempre al massimo. Il segreto è disputare gli spareggi con la mente sgombra e con grandissimo entusiasmo, poi vedremo cosa succederà. L’avversario? Una squadra vale l’altra, se vuoi arrivare in fondo prima o poi bisogna incontrare tutti. Guarderemo i risultati di questi giorni con curiosità, più che altro per farci un’idea di chi potremmo sfidare. Ciò che conta è arrivarci bene dal punto di vista fisico e mentale”. Conclusione dedicata al futuro: “Ho un altro anno di contratto, a Modena sto bene e mi sono trovato benissimo. Adesso è comunque un discorso prematuro, dobbiamo essere concentrati solo sui playoff e su un obiettivo importante da raggiungere”. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA