Contenuto riservato agli abbonati

Tutti pazzi per i gioielli Locatelli e Berardi, ma il Sassuolo “azzurro” non ha prezzo

La loro quotazione schizza alle stelle, Carnevali li tratterà solo dopo l’Europeo. La Juve non molla per il centrocampista 

SASSUOLO. Ora se ne sono accorti tutti. Anche chi non segue abitualmente le vicende Sassuolo ha capito quanto siano forti Locatelli e Berardi. Le loro strepitose prestazioni in maglia azzurra nelle prime due gare dell’Europeo hanno ulteriormente acceso i riflettori di mezza Europa su di loro e il Sassuolo gongola. È dunque facile intuire come quello di ieri sia stato un giovedì ancora più intenso del solito per Giovanni Carnevali. Telefonino bollente tra chiamate, sms, whatsapp, e mail intasata. L’amministratore delegato del Sassuolo è sotto assedio, soprattutto dagli operatori di mercato a caccia di corsie preferenziali per bruciare la concorrenza nella corsa ai tre gioielli neroverdi Manuel Locatelli, Domenico Berardi e Giacomo Raspadori. Ma la risposta, per tutti, è la stessa: “Ci risentiamo dopo l’Europeo”. Saggio Carnevali, non ha fissato alcun prezzo, ci penserà il campo. E i fatti gli stanno dando ragione: Locatelli e Berardi fanno faville anche in maglia azzurra, la loro quotazione è schizzata alle stelle e su di loro si stanno muovendo tutti i maggiori club europei. Locatelli al momento non ha una valutazione precisa. L’anno scorso la Juve ha trattato il centrocampista col Sassuolo per una cifra oscillante tra i 25-30 milioni senza però trovare un accordo. Valutazione già lievitata oltre i 40. È vero che Locatelli - ingaggiato dal Sassuolo nel 2018 dal Milan per 14 milioni totali - vorrebbe indossare la maglia della Juventus, ma trovare un accordo non sarà semplice. La prossima settimana Carnevali ha in programma un incontro informale con Cherubini per capire su cosa poggeranno le basi dell’offerta bianconera. Il Sassuolo vuole soprattutto cash, la Juve per abbassare la cifra offre Dragusin e/o Fagioli, ai neroverdi infatti non interessa Rovella (la cui quotazione è ritenuta eccessiva). Ad oggi l’unica offerta concreta per Locatelli è arrivata dal Borussia Dortmund, ma nei prossimi giorni ne sono attese a pioggia da Inghilterra e Spagna. «Il mio futuro lo deciderò dopo l’Europeo, ma con Carnevali siamo consapevoli della strada da prendere" - le parole di Locatelli - che confermano il suo desiderio di giocare nella Juve. Ma quella neroverde, si sa, è una bottega cara e dove non si fanno sconti.

Capitolo Berardi. Anche per lui vale lo stesso discorso di Locatelli: niente quotazioni prima della fine dell’Europeo. Altra scommessa vinta perchè Berardi, trattato in passato dalla Fiorentina per 35 milioni, già adesso ne vale più di 40. Se il 27enne dovesse aprire ad una cessione si aprirà un’asta, dove le società straniere sembrano in vantaggio sul Milan, il club italiano più interessato, ma non in grado di arrivare a certe cifre. Per il terzo gioiello Raspadori, salvo offerte da capogiro il Sassuolo è intenzionato a trattenerlo. Così com’è da considerare una fake news la voce che Carnevali sia disponibile a concedere un’opzione sull’attaccante classe 2000, ad esempio all’Inter. O Raspadori resta almeno un altro anno col cartellino al 100% del Sassuolo (l’ipotesi più probabile) o se ne va a titolo definitivo.—