Nelli ha un sogno nel cassetto: «Modena grande opportunità E io voglio sfruttarla»

Il centrocampista gialloblù: «Tesser mi sta aiutando molto Ai tifosi posso promettere che daremo sempre il 100%»

Federico Sabattini

Gioventù, determinazione e personalità a servizio del nuovo Modena targato Attilio Tesser e famiglia Rivetti. Jacopo Nelli, centrocampista cresciuto nel settore giovanile del Frosinone, è arrivato in maglia gialloblù con tanta voglia di dare il proprio contributo: «Il bilancio della prima settimana di lavoro tra città e Fanano è estremamente positivo, ci stiamo imparando a conoscere e sono molto contento di come sta andando. Il ritiro è un periodo dell'anno molto importante in cui dovremo impegnarci tutti al massimo, si crea il gruppo che è l’essenziale per raggiungere gli obiettivi prefissati ad inizio stagione».


Il classe 2000 racconta le sue prime emozioni da giocatore del Modena: «Sono molto contento di far parte del progetto e di essere approdato in una grandissima piazza. Sono emozionato, ringrazio tutti i miei compagni che mi stanno permettendo di entrare all’interno di un gruppo importante e spero di dare anche il mio contributo per arrivare in alto».

Per Jacopo Nelli si sono aperte le porte della prima avventura in C, dopo aver collezionato oltre 70 presenze in serie D con le maglie di Seravezza Pozzi e Crema: «È stato finora un bel percorso in cui sono cresciuto tanto, grazie a loro ho imparato cosa vuol dire stare tra i grandi e che è assolutamente diverso dal giocare con i giovani. Sono state stagioni ricche di emozioni che mi sono servite e che mi serviranno molto anche in futuro. Ora sono alla prima esperienza tra i professionisti e tutto quello che verrà sarà sicuramente positivo. Ho tanta carica ed entusiasmo, credo di essere un ragazzo che si impegna sempre al 100% e che prova a dare l’anima in ogni occasione. Farò così anche qua a Modena, cercando di dare una mano alla squadra. È un’opportunità incredibile da sfruttare a tutti i costi, non ho avuto dubbi perché questa è una piazza storica e stimolante».

Il classe 2000 spiega poi le sue caratteristiche principali e il rapporto con il regista canarino Gerli: «Il mio ruolo è quello del centrocampista davanti alla difesa, ma posso fare anche la mezzala. Mi piace toccare tanti palloni ed essere nel vivo del gioco, posso anche garantire tanta corsa e massimo impegno. Con Fabio ho subito instaurato un bellissimo rapporto, è stato uno dei primi con cui ho parlato. È un giocatore forte, da lui posso solo imparare e rubare con gli occhi il maggior numero di consigli. Mi sta aiutando tanto, così come tutti gli altri».

Il Modena ha ricevuto negli scorsi giorni a Fanano la visita del presidente Carlo Rivetti: «Ho avuto un'impressione splendida, come i suoi figli e tutto l’ambiente in generale. Ci ha fatto un discorso molto bello che mi ha trasmesso grande carica e senso di responsabilità nei confronti di una città che merita il meglio possibile. Vogliamo raggiungere i nostri obiettivi e disputare un campionato importante per regalare emozioni e soddisfazioni ai tifosi gialloblù».

Alla guida del Modena 2021/22 vi sarà Attilio Tesser: «Il mister mi sta aiutando tanto, cerca sempre il dialogo e si sta creando un bel rapporto tra lui e la squadra. Tutti mi hanno accolto benissimo, sono veramente felice».

Infine, un messaggio rivolto ai sostenitori canarini: «Spero che possano tornare presto allo stadio. Questa è la prima esperienza con la presenza numerosa di tifosi, è tutto nuovo ed è un'emozione forte. Posso soltanto dire che daremo sempre il massimo, noi giocatori abbiamo bisogno del loro sostegno e attendiamo con ansia di poter esultare insieme al Braglia il prima possibile». —