Tesser: «Equilibrio e crederci fino alla fine»

«Finalmente la gente sugli spalti, questo è il calcio vero e ci darà una mano. Partire bene in casa sarebbe importantissimo»

Federico Sabattini

E’ il giorno del derby del Secchia, è il giorno di Modena-Reggiana. Una gara parecchio sentita da entrambe le compagini (tanti gli ex gialloblù o granata, tra dirigenti e calciatori), alla ricerca di una vittoria che darebbe ancora più carica ed entusiasmo in vista del prosieguo del campionato. Nella consueta conferenza stampa della vigilia, mister Tesser ha presentato così il match valevole per la seconda giornata del girone B di serie C: “Avere finalmente il pubblico sarà una cosa bellissima, ora è calcio vero. La gente ci darà una grande mano, il loro rientro sugli spalti è molto importante e poi toccherà a noi dargli le giuste soddisfazioni. Partire bene tra le mura amiche sarebbe molto importante, dovremo giocare con equilibrio e crederci fino alla fine. La strada è ancora lunghissima, ma i punti contano già dalla prima giornata. La condizione fisica non è al 100%, ma non deve essere una scusante e non esiste che i miei ragazzi giochino attendendo l’avversario. Sarà fondamentale avere l’atteggiamento giusto, voglio vedere una squadra molto compatta che va avanti e che si muove senza paura”. Per il tecnico di Montebelluna, la sfida di stasera rappresenterà l’esordio ufficiale al Braglia sulla panchina gialloblù: “Speriamo che sia positivo, non tanto per me ma soprattutto per il Modena. L’obiettivo è iniziare con il piede giusto davanti ai nostri tifosi, siamo attesi da una stagione lunga e difficile ma ci crederemo fino in fondo senza mollare mai di un centimetro”. Massima attenzione alla Reggiana, che al debutto in campionato ha battuto 2-0 al Mapei Stadium il Montevarchi: “E’ una delle tre retrocesse dalla B, ha un organico molto completo e rispetto a noi hanno pochi giovani e tanti esperti. Noi invece abbiamo scelto di fare un mix tra più e meno esperti. Si sono rinforzati e lotteranno per il vertice. Il loro attacco? La nostra difesa dovrà tenere bene il campo e muoversi senza sbagliare, hanno giocatori pericolosi compreso Scappini che conosco e tanti altri. Diana? A Renate ha fatto molto bene, in granata ora ha una bella occasione per confermarsi”. Conclusione dedicata all’ultimo arrivato ed ex di turno Luca Tremolada, in lizza per una maglia da titolare con Mosti nel ruolo di trequartista alle spalle di Marotta e Ogunseye: “Sta abbastanza bene, anche se non è al massimo della condizione. E’ un trequartista puro con grandi qualità tecniche, lui e Mosti hanno modi diversi di giocare ma allo stesso tempo saranno due giocatori molto importanti per noi”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA