Continua l’offensiva del “vecchio” Carpi per rientrare in serie D

Prosegue a tutto spiano l’offensiva del Carpi Fc 1909 sul fronte della Giustizia amministrativa e non solo.

Nella giornata di ieri, i legali della società di via Abetone hanno preparato la richiesta di revocazione dell’Ordinanza con la quale giovedì 16 il Consiglio di Stato ha bocciato il ricorso del club per la riammissione in Serie C.


Contestualmente il club biancorosso ha inoltrato un ulteriore ricorso alla “Commissione accesso ai documenti amministrativi” presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri con riferimento all’accesso agli atti sulla posizione delle altre squadre di Serie C ammesse al campionato, inoltrato tempo fa alla Federazione e da questa negato.

Il Carpi aveva infatti chiesto trasparenza alla Figc sull'ammissione degli altri club, chiedendo di controllare le carte di tutte le squadre iscritte per verificare che non ci siano state situazioni vessatorie a carico del solo club biancorosso.

Richieste a cui dalla Figc non è mai giunta una risposta, da qui la decisione dei legali del Carpi di inoltrare la domanda all'apposita commissione della Presidenza del Consiglio.

Un iter, quello dello spostamento del giudizio dal fronte sportivo a quello civile, che il Carpi ha già intrapreso da tempo e continua a condurre a spron battuto tra Tar e Consiglio di Stato.

E proprio presso il Tribunale Amministrativo del Lazio il Cfc ha segnato fin qui il suo colpo più importante, ottenendo il riconoscimento di un diritto di prelazione sull'iscrizione alla D secondo l'interpretazione del comma 10 dell'articolo 52 già utilizzata per i casi Casertana e Sambendettese (club poi riammessi in D dalla Figc con le vecchie compagini societarie escluse dalla C).

Proprio il silenzio prolungato della Federcalcio, nonostante il Decreto Presidenziale monocratico che ha sancito questo diritto, rimanda ogni verdetto all'udienza collegiale della Camera di Consiglio del Tar indetta per il prossimo 5 ottobre: bocciata la richiesta di blocco dei campionati, resta sul tavolo quella di riammissione in serie D.

E.R.

© RIPRODUZIONE RISERVATA