Un debutto amaro per l’Athletic Carpi che aspetta Walker

L’attaccante del Como in arrivo alla corte di mister Bagatti Domani al Cabassi la sfida con il Forlì in Coppa Italia 

Enrico Ronchetti

Non è stato l’esordio in campionato che il presidente Lazzaretti sognava per il suo Athletic. La gara di Coppa Italia con il Mezzolara di una settimana prima aveva forse illuso che il processo di costruzione e aggregazione della squadra fosse ad uno step più avanzato, ma quando in sede di presentazione della nuova società il neo presidente ha chiesto pazienza ai tifosi si riferiva esattamente a questo. Contro un avversario sulla carta inferiore – come confermato senza ipocrisie da mister Bagatti – l'Athletic ha perso e meritato di perdere, palesando qualche difficoltà forse inattesa.


Questo non è certo il momento dei processi, ma il ko con la Bagnolese va letto come un promemoria di quanto il campionato di Serie D sia difficile e spietato. La città di Carpi mancava da questo palcoscenico da undici anni, ma negli 8 precedenti ne era stata assidua frequentatrice e le delusioni non erano certo mancate. Gli aficionados del Cabassi non avranno dimenticato le batoste subite da realtà calcistiche di paesi sconosciuti come Rodengo Saiano e Masi San Giacomo, oppure vicini di casa meno blasonati come Castellarano o Castelfranco. Nomi a cui da ieri va a far compagnia la Bagnolese, ben presto ribellatasi al ruolo di vittima sacrificale con cui in molti l’attendevano al Cabassi. Forse anche i ragazzi di mister Bagatti, che nel dopo gara ha imputato la sconfitta più alla testa dei suoi che non alle gambe. Il tecnico e il direttore sportivo Marinucci Palermo non hanno voluto dare alla squadra l’alibi della partenza in ritardo, ma è evidente che - complici la bocciatura del progetto Carpi-Correggese, il successivo bando del sindaco e il trasloco da Correggio a Fossoli solo il primo di settembre - l’Athletic abbia un mese in meno di lavoro di squadra rispetto alle avversarie. Un ritardo tecnico-tattico comprensibile e tutto sommato anche atteso, che solo la convincente prestazione in Coppa col Mezzolara aveva fatto pensare potesse essere già risolto. In quest’ottica, in casa biancorossa la gara di Coppa Italia di domani col quotatissimo Forlì (al Cabassi, ore 15) può essere un’occasione preziosa per oliare i meccanismi e proseguire nel processo di costruzione di una squadra il cui mercato è ancora aperto: entro la gara di domenica a Sasso Marconi, il presidente Lazzaretti conta di consegnare a mister Bagatti quella punta di spessore che avrebbe individuato nell'inglese Lewis Walker del Como, classe '99 a segno 3 volte in 17 gare di C l'anno scorso con i lariani. E' lui il preferito della società biancorossa, ma il casting è ancora aperto e non sono escluse sorprese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA