Contenuto riservato agli abbonati

Modena, c’è subito un esame contro il Cesena capolista

La squadra di Tesser, ferita dalla prima sconfitta stagionale rimediata al Braglia contro l’Entella, domani sera sarà attesa al Manuzzi da un derby da brividi

MODENA Cancellare al più presto la sconfitta contro la Virtus Entella e riscattarsi immediatamente nel derby di domani sera a Cesena. In terra romagnola andrà in scena un match molto importante soprattutto per i gialloblù e in cui è vietato assolutamente sbagliare.

Nonostante la stagione sia appena iniziata e il tempo a disposizione resti ancora tanto, la posta in palio è già altissima e non solo per la rivalità ben nota tra le due piazze. Toccherà al Modena dare una risposta forte e reagire alle difficoltà rispondendo sul campo e offrendo contro la compagine di William Viali una prestazione a muso duro. I canarini, fermi in classifica a quota 6 punti dopo cinque giornate, affronteranno un temibile Cesena a più cinque e a sorpresa capolista del girone B di serie C insieme a Pescara e Reggiana. Analizzando i risultati delle due squadre, il Modena non ha ancora vinto al Braglia (due pareggi e un ko), mentre in trasferta sono arrivati 4 punti frutto del pareggio a Grosseto e della vittoria a Fermo. I bianconeri, al contrario, nelle due gare casalinghe con Gubbio e Imolese hanno rimediato in entrambi i casi lo 0-0 (senza contare la sconfitta in Coppa Italia con la Virtus Entella).

Lontano dal pubblico amico, invece, il Cesena ha conquistato tre successi consecutivi con Lucchese, Viterbese e Olbia. Il Modena cercherà inoltre di sfatare il tabù Manuzzi, campo su cui i canarini hanno vinto solamente tre volte tra serie B, C e Coppa Italia in ventisette precedenti disputati. Il bilancio delle sfide giocate in Romagna tra gialloblù e bianconeri è di sei pareggi, diciotto vittorie del Cesena e appunto tre quelle ottenute dal Modena. L’ultimo successo risale alla stagione di serie B 2005/06, quando la squadra allora allenata da Stefano Pioli vinse 4-2 grazie alle reti nel finale dei due romagnoli Tamburini e Campedelli. Attilio Tesser spera di rivivere una giornata simile e di riprendere il proprio cammino dopo un inizio di campionato che finora non ha rispettato la aspettative della vigilia. Gagno, nel postpartita di Modena-Entella, hanno provato ad indicare la strada da seguire: “C’è voglia di rivalsa, dovremo trasformare la rabbia in positività e convinzione nei nostri mezzi andando a Cesena per giocarci la partita e dare il massimo per provare a vincere”. In Romagna, al di là di chi verrà schierato dal primo minuto o a gara in corso, servirà dunque un Modena che si appelli all’oroglio e alle sue ambizioni da grande per riprendere il cammino e dimenticare la sconfitta con i Diavoli Neri. Il derby nasconde un’insidia pesante, ma è anche un’occasione per rialzare la testa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA