Continua a Montale la favola di Tai Aguero

La fuoriclasse italo-cubana: «Resto dirigente, ma in campo mi diverto ancora e per questo gioco» 

Con il vento in poppa e l’entusiasmo per l’ottimo esordio in campionato, l’Emilbronzo 2000 Montale torna in palestra per preparare la prima trasferta stagionale sul campo della Conad Alsenese. Le nerofucsia sono candidate a recitare un ruolo di primo piano nel torneo di Serie B1 femminile e vogliono una volta di più affermare questo status con i risultati del campo. Tra i motivi di maggior interesse scaturiti dal 3-0 sul Miovolley c’è sicuramente la presenza e la prestazione sul campo di Taismary Aguero, (foto Nicola Buono) campionessa senza tempo che nonostante l’età continua a rivestire, gioco forza per le situazioni contingenti, un ruolo di primo piano sia nello scacchiere di coach Ghibaudi che per l’intera società. È la stessa schiacciatrice italo-cubana che ha raccontato questo suo ennesimo ritorno alla pallavolo giocata al termine della gara vittoriosa di domenica: «Il lupo deve sempre giocare. Quest’anno il nostro ‘inno’ è Lupus, io sono un lupo e per questo scendo in campo. Sono contenta, mi diverto, ma le mie occupazioni di dirigente rimangono comunque e così sarà anche nel resto della stagione».

Se sarà una breve parentesi o meno questo si saprà solo con il proseguo della stagione, ma di certo Aguero non è una che si tira indietro: «Sicuramente questa mia presenza in campo è dovuta agli infortuni che hanno colpito alcune compagne, se tornerà a capitare perché no, mi piace ancora giocare, ma vorrei giocassero le giovani che se lo meritano e sono qui per questo».


Dalla sfera personale a quella di squadra, l’analisi dell’eterna campionessa nerofucsia è assolutamente positiva: «È stato un buon inizio, speriamo di continuare così e che le più giovani continuino a lavorare senza montarsi la testa perché il campionato è appena iniziato e, quindi, ancora molto lungo. Io sono una persona che difficilmente è contenta, ma questa volta mi sento soddisfatta pur dovendo sempre migliorare e mai fermarsi».

A confermare l’importanza di Aguero nel gruppo è stata anche la capitana di questo nuovo roster, Elena Fronza: «Come sempre averla con noi è un onore, ma la sua presenza porta anche tanto equilibrio e serenità».