Contenuto riservato agli abbonati

Modena accolta da Esko e dal freddo finlandese: zero gradi a Sastamala
 

Un signore dallo stile unico: Mikko Esko a Modena ha lasciato tanti amici e tracce importanti del suo passaggio. Oggi è un professionista ancora di grande successo in Finlandia 

Modena. Un signore dallo stile unico: Mikko Esko a Modena ha lasciato tanti amici e tracce importanti del suo passaggio.
Oggi è un professionista ancora di grande successo in Finlandia, dove è nato e ha scritto i primi capitoli di una carriera che lo ha poi visto sempre protagonista a testa altissima in Germania (Unterhaching), Belgio (Noliko Maaseik), Russia (Guberniya), Turchia (Halkbank). È in Italia, però, che questo ragazzo venuto da Vammala, in Finlandia, ha dato veramente spettacolo: 3 stagioni a Padova, 1 a Montichiari per consacrarsi regista di primissimo livello a Modena dal 2009 al 2012. 
Un palleggiatore moderno, Esko, con 198 centimetri a farne un punto di forza anche a muro: sposato con Sara Loikkanen, schiacciatrice e giocatrice di livello internazionale che giocò anche a Carpi nella Liu Jo, Mikko portò una Modena non ancora pronta per lo scudetto sempre a ridosso delle grandi (un quarto e due quinti posti in regular season). Amatissimo dai tifosi gialloblù, con Angel Dennis costituì a quei tempi una delle diagonali più forti in circolazione. E se l’opposto a 44 anni è ancora in grado di fare la differenza in Serie A3 in Italia con Macerata, lui che è arrivato lo scorso 3 settembre a quota 43 è il capitano e punto di forza del Ford Levoranta Sastamala. Una favola che solo loro, Angel e Mikko potevano scrivere.
Una frattura al mignolo della mano destra durante il match contro Castellana Grotte gli negò la possibilità di giocare i playoff 2011 aprendo la strada all’ingaggio temporaneo di un giovane Bruninho. Il resto è storia, con Modena che sfiorò lo scudetto col brasiliano, e con Mikko che tornò poi in cabina di regia nella stagione successiva.
Ieri Mikko ha dato il benvenuto a Modena e a Bruninho nella fredda Sastamala (226 km da Helsinki, zero gradi all’arrivo della comitiva gialloblù), oggi è pronto a guidare la sua squadra nella Vexve Arena, 900 posti a sedere disponibili e biglietti andati a ruba tra i supporter finlandeso. Il Ford Levoranta (14 punti su 15 in campionato, 5 partite vinte su 5) ha partecipato ai preliminari di Champions League espugnando Apeldoorn prima di essere eliminato dal Benfica, ma per Esko questa sfida di Coppa Cev sarà qualcosa di veramente speciale. In attesa di emozionarsi ancora una volta al PalaPanini dove è atteso con i suoi compagni fra sette giorni.