Giani: «Domani con la Lube non saremo noi i favoriti»

Il tecnico: «Dobbiamo avere l’umiltà per capirlo e riuscire a costruirci quella fiducia che arriva però solo vincendo, abbiamo il potenziale per farlo»

Francesco Cottafava

Dopo la parentesi vittoriosa di Coppa Cev contro il Sastamala, Modena Volley è pronta ad affrontare due settimane di fuoco: domani pomeriggio la sfida contro la Lube Civitanova, poi il ritorno europeo contro la formazione finlandese, e la prossima settimana prima Trento e poi Perugia. Due settimane che diranno molto sulla condizione fisica e mentale del sestetto gialloblù. Il primo ostacolo sarà dunque la Lube, che Andrea Giani individua come la formazione favorita del big match che andrà in scena domani pomeriggio.


«Siamo davanti a un trittico di gare toste, contro squadre molto attrezzate. Domani affronteremo una Lube che è favorita. Dobbiamo continuare il nostro percorso di crescita e siamo chiamati a fare delle imprese perché queste partite vanno vinte, vanno vinte per risalire immediatamente in classifica. Loro però ci sono davanti in classifica in questo momento, anche per questo non partiremo con i favori del pronostico. Dobbiamo avere l’umiltà per capire che noi non siamo favoriti e che dobbiamo costruirci la fiducia, quella fiducia che però arriva solo vincendo. Abbiamo il potenziale per vincere? Certo che sì. Ma in questo momento non siamo al massimo del nostro regime».

Il tecnico canarino prosegue poi parlando del campionato italiano che, finora, ha mantenuto le premesse di essere equilibrato e ricco di sorprese.

«Lo sapevamo già che sarebbe stata una Superlega estremamente equilibrata, quindi non dobbiamo sorprenderci se anche altre squadre importanti hanno lasciato dei punti per strada. E' un campionato di alto livello, tante squadre sono state costruite per vincere, ma per farlo devi giocare sempre bene. Soprattutto in questa fase iniziale della stagione non è automatica la vittoria, infatti ci sono state diverse sconfitte delle squadre di alto livello. Per noi, però, da questo momento, inizia un percorso chiaro: o vinciamo e scaliamo la classifica, oppure se perdiamo altri punti il gap con le prime della classe si farà molto più ampio. Siamo consapevoli anche del fatto che non stiamo giocando la mostra migliore pallavolo, ci stiamo allenando però per riuscirci al più presto. Ma solo le partite ufficiali raccontano la verità, o vinci o perdi».

Andrea Giani conclude raccontando la trasferta finlandese di Coppa Cev.

«E' stata molto lunga, 13 ore di viaggio all'andata e 12 al ritorno. Abbiamo giocato in palazzetto pieno esprimendo la nostra pallavolo. Il contesto era molto carino anche se quando vai a giocare in Europa sembra che certe regole siano diverse. Siamo stati anche attenti a mantenere a mantenere le distanze e non portare dentro il gruppo squadra emergenze. E' stata una bella vittoria al termine di un viaggio complicato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA