Modena volley fa il suo dovere: batte il Sastamala di Esko e avanza in Coppa Cev

Lungo applauso del pubblico del PalaPanini all’ingresso in campo del regista Spazio ai giovani: Gollini e Sanguinetti titolari, poi dentro Sala, Bellanova, Tauletta

MODENA. Modena timbra il cartellino e va oltre il Sastamala, ma a dare un senso a una sfida che dopo il match di andata vinto 3-0 in Finlandia non ne avrebbe più di tanto è lui, Mikko Esko: la sola sua presenza a 43 anni, portati benissimo, vale il prezzo del biglietto in un mercoledì che per il resto non troverà certo posto negli annali del volley cittadini.

La standing ovation che il PalaPanini tributa al regista di Modena nel triennio 2009-2012 prima del match, meritatissima, è però da brividi e il minimo per un campione che qui in maglia gialloblù ha dato tutto. Dall’emozione che regala anche solo rivedere dieci anni dopo “uno di noi”, a una partita in cui i ragazzi di Giani devono “quasi” impegnarsi per un set, il primo, prima di dominare i due successivi. Sastamala se la gioca con quello che ha, cioè un sestetto che in SuperLega faticherebbe tremendamente a salvarsi, fa anche belle cose, ma alla fine la differenza è troppa perché possa ribaltare lo 0-3 subito sette giorni prima in casa.



Giani decide di non rischiare Stankovic (il centrale rimane in panchina per tutto il match) e non inserisce nella formazione di partenza Leal e Rossini. Scelta che gratifica Sanguinetti, ormai più di un semplice cambio in zona 3, ma anche Van Garderen e Gollini, alla prima da titolare in Europa con la maglia di libero.



La partita è tutta nei primi 25’ di gioco, quelli che servono a Modena per domare la tenace resistenza m dei finlandesi, capaci di avvicinarsi anche a -2 ( sul 14-16 prima e 19-21 poi): Esko ha ancora due mani da “signore della rete” e riesce regalare qualche momento di gloria ai compagni. Van Garderen e Nimir (14 punti e 5 ace), però, con Earvin Ngapeth in serata da grandi sorrisi e colpi strepitosi (10 punti, 69% in attacco) spiegano agli ospiti che... rispetto sì, ma regali... nessuno: 25-21, 1-0.

Modena gioca il secondo parziale con la stessa formazione del primo e si stacca subito (8-5, 16-10) per arrivare in scioltezza (25-14) al 2-0 che vale la qualificazione. Terzo set e show time con spazio per tutti: esordio in Europa e paste al prossimo allenamento per Tauletta e Bellanova, Sala si iscrive a referto con tre punti (2 muri e 1 attacco vincente), poi poco altro da segnalare in una serata in cui anche i cinque tifosi arrivati da Sastamala si godono l’atmosfera del “Tempio”. 3-0 e tutti a casa, domenica è vicinissima e la partita con Trento sarà tutta un’altra storia. Modena avanza in Europa, intanto, in attesa di test più probanti dei finlandesi: la sensazione è che andrà fino in fondo anche perché Kazan, Kemerovo e Monza sono dall’altra parte del tabellone e per uno squadrone come questa PerkinElmer il minimo sarà arrivare a giocarsi, magari vincendola anche, la finale di una Coppa Cev ampiamente alla portata di Bruno e compagni.