Contenuto riservato agli abbonati

L’Inter corteggia il Sassuolo, vuole Scamacca e Frattesi

Dopo Raspadori altri due neroverdi entrano nel mirino del club nerazzurro Lo Shakhtar prova a soffiare Boga all’Atalanta e mette sul piatto Solomon  

Beppe Marotta vuole ‘italianizzare’ l’Inter e, a quanto pare, cercherà di arrivarci facendo shopping nella bottega del Sassuolo. La boutique neroverde, al di là dei buonissimi rapporti tra l’attuale direttore generale dell’area sportiva dell’Inter e dell’amministratore delegato del Sassuolo Giovanni Carnevali, resta però molto cara e soprattutto è chiusa fino a giugno. A quanto pare, infatti, Marotta si è informato con Carnevali per tre atleti del Sassuolo: di Raspadori già si sapeva (l’attaccante neroverde piace molto a Inzaghi e più di un discorso era già stato avviato), ma secondo la Gazzetta dello Sport al momento il club nerazzurro sarebbe più interessato a Scamacca (che Carnevali valuta 40 milioni tondi tondi) e a Frattesi per il centrocampo. La certezza, più volte ribadita, è che per gennaio il Sassuolo non cederà i suoi gioielli (Boga a parte, ma questo come noto è un altro discorso), ma è chiaro che il prossimo giugno qualcosa, e forse anche più di qualcosa, succederà. Il Sassuolo, forte di una situazione economica solida e degli incassi futuri (i quasi 40 milioni di Locatelli, in parte già versati ad esempio) non ha fretta e di certo non farà sconti particolari, mentre l’Inter vorrebbe impostare accordi sulla base di prestiti con obbligo di riscatto condizionato (esattamente quello che Carmevali non vuole, come noto la trattativa per la cessione dello stesso Locatelli è stata molto lunga soprattutto per questo motivo). Al momento, comunque, la situazione è assolutamente fluida ma Marotta sta cercando di approfittare del periodo per impostare un ragionamento che potrebbe portare almeno uno (se non due) dei tre gioielli del Sassuolo a Milano. Il club neroverde, comunque, dovrà fare una scelta e farla prima del prossimo giugno perché le richieste sono tante (basti pensare a Berardi, sempre nel mirino della Fiorentina, e a Boga che è l’unico che dovrebbe salutare già a gennaio) e che nel caso di più cessioni la squadra sarà da ricostruire almeno in parte. E’ per questo che il Sassuolo, almeno in qualche caso, potrebbe accettare in parziale contropartita anche calciatori a patto che siano graditi, cosa che raramente è accaduta negli anni. In particolare lo Shakhtar potrebbe arrivare a bruciare l’Atalanta per Boga non solo perché gli orobici sono usciti dalla Champions League, ma anche perché la società di De Zerbi ha un giocatore che a Sassuolo apprezzano come l’israeliano Manor Solomon, un centrocampista esterno che può giocare ala e che sarebbe valutato intorno ai 15 milioni di euro, a cui aggiungerne una decina per acquistare il franco ivoriano ex Chelsea. L’Atalanta non è fuori dai giochi, ma i milioni persi con la Champions potrebbero far ripensare la strategia di mercato al club bergamasco che comunque sta provando a trovare la formula giusta. Boga, come noto, ha rifiutato la richiesta di rinnovo e si vede lontano da Sassuolo, anche il Napoli ci ha fatto un pensiero, ma al momento il club partenopeo sembra essere più distante dall'attaccante originario di Marsiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA