Contenuto riservato agli abbonati

Volley. Gara 1 della finale scudetto, vince la Lube, Rossella Piana impeccabile

L’arbitro di Carpi ha diretto al PalaBarton di Perugia in coppia con Zavater il primo atto del duello tricolore chiuso 3-2 15-13 da Civitanova

PERUGIA. Non c’era Modena Volley in campo nella gara 1 della finale tricolore tra Perugia e Lube, ma c’era lei, al PalaBarton, Rossella Piana, da anni tra i fischietti più quotati in Italia, a coadiuvare a terra Marco Zavater. Una prova impeccabile quella di Rossella Piana che con il collega ha anche interpretato il regolamento alla perfezione sulla palla più importante della partita, cioè sul 14-13 per la Lube nel tie break, quando un palleggio forse con invasione aerea di De Cecco avrebbe forse potuto portare anche al 14-14. Nikola Grbic, tecnico degli umbri, ha richiesto però il check solo ad azione completata, mentre avrebbe dovuto farlo interrompendo subito l’azione. Zavater e Piana hanno quindi dichiarato chiuso l’incontro sul 3-2, 15-13 ultimo punto di uno straordinario Simon, autore di 20 punti e top scorer del match. Per Ivan Zaytsev 11 punti, 13 per l’altro ex gialloblù Matthew Anderson. I parziali in favore della Lube: 25-17 26-28 20-25 25-17 15-13. Mercoledì sera gara 2 a Civitanova Marche. Nata a Carpi il 6 marzo 1975, Rossella Piana dirige incontri di pallavolo dal 1993: promossa in Serie A nella stagione 2005/06, arriva poi al culmine della sua carriera quando viene nominata “Internazionale” nel 2014. Ha ricevuto il Premio Cesare Massaro come miglior arbitro di A2 nel 2011/2012 e nella vita quotidiana esercita la professione di psicologa: lavora e vive a Carpi con il compagno Filippo e i due figli, Leonardo e Ludovica. Prima di gara 1 della finale, in questa stagione aveva diretto 13 incontri della SuperLega.