Contenuto riservato agli abbonati

Nimir e Ngapeth per una settimana stelle in Iran

I due assi di Modena saranno gli stranieri del Paykan Tehran nella Coppa dei Campioni d’Asia che scatta il 14 maggio

MODENA. Finale dei playoff e scudetto? Champions League? Forse il prossimo anno: almeno in Europa e con la maglia di Modena. Eh sì, ragazzi, perché per il momento Earvin Ngapeth e Nimir Abdel Aziz andranno sì alla caccia della Coppa dei Campioni, ma lo faranno in Asia e con la maglia del Paykan Tehran. L’eliminazione subita nella gara 5 sfida con Perugia ancora brucia, e non poco, ma i due assi della Leo Shoes PerkinElmer hanno almeno trovato il modo di mettere in un cassetto i loro “cattivi pensieri”: merito del club iraniano del Paykhan, uno dei più titolati in campo nazionale ed internazionale nel mondo asiatico. Lì si gioca sempre e solo per vincere, figuriamoci poi se il prossimo appuntamento è l’Asian Men’s Volleyball Championship, cioè la Coppa dei Campioni dell’altro mondo. Otto le squadre al via, sette i giorni in cui si articolerà la manifestazione, prevista da sabato 14 a venerdì 20 maggio, in palio oltre a un titolo e a un trofeo che fanno la differenza nel palmares di un club, anche un posto nella prossima edizione del Mondiale per Club. I dirigenti del Paykan, che è il club ad aver vinto più edizioni della Champions d’Asia, proprio come quelli di Modena sono reduci da una grande delusione, cioè la sconfitta nella finale del campionato iraniano contro lo Shahdab Yazd, dettaglio seccante che li ha indotti a correre ai ripari usando le maniere forti per la Champions d’Asia: “quella non possiamo perderla”, devono aver pensato, anche perché si giocherà a Urmia, proprio in Iran. E allora ecco arrivare i due supercampioni di Modena Volley che voleranno nei prossimi giorni a Tehran per aggregarsi ai nuovi compagni. E non saranno i soli: il Paykan ha infatti riportato a casa per una settimana dalla Turchia (Fenerbahce) il regista Saeid Marouf e il centrale Mousavi. Primo posto e trofeo già prenotati, Muserskiy e i giapponesi del Suntory Sunbirds permettendo...