Contenuto riservato agli abbonati

Serie A. Sassuolo in campo alle 18 contro l’Udinese

Mister Dionisi: «Urge il riscatto, dobbiamo dimenticare subitola sconfitta di Napoli»

«Che settimana è stata? Speriamo sia stata la settimana del riscatto rispetto alla partita precedente, che è stata negativa sotto tutti i punti di vista. Vogliamo dimostrare di essercela messa alle spalle – queste le parole di Alessio Dionisi alla vigilia del match di oggi contro l’Udinese - Sappiamo di aver fatto un buon percorso, ma ci si ricorda sempre del finale e noi vogliamo farlo bene. In settimana abbiamo cercato di spostare l’attenzione su obiettivi di squadra e personali ancora da raggiungere, per stimolare in ogni modo la squadra a raschiare dal barile delle motivazioni. Non accetto di sentirmi dire che non abbiamo motivazioni perché abbiamo già raggiunto una buona classifica, abbiamo già valorizzato i giovani, abbiamo già fatto tanto. Ci sono ancora tre gare da giocare. Con l'Udinese abbiamo perso all'andata, non è stata una delle nostre prestazioni o comunque non siamo stati all'altezza di quanto avremmo potuto, e questo basta per far sì che ci sia voglia di riscattarsi. A questo aggiungo che l'Udinese è sempre stata un avversario ostico». I neroverdi hanno sempre fatto fatica a far gol ai bianconeri, in casa non accade da 416 minuti: «Capisco il perché. L'Udinese ha un'impronta diversa dalla nostra, è una squadra molto fisica, molto brava nelle transizioni, nella riconquista della palla e nel riattacco immediato. Partiamo sfavoriti, ma è accaduto spesso di ribaltare il pronostico. Col cambio d’allenatore a livello tattico e tecnico non mi sembra sia cambiato molto, probabilmente ad essere diverso è l’approccio alla partita. Ma la squadra stava facendo bene con Gotti e sta facendo bene con Cioffi, è la stessa che abbiamo affrontato all'andata, sicuramente con un percorso molto positivo». Dopo la batosta di Napoli rivoluzione nella formazione? «No, non devo mandare nessun messaggio. Devo mettere in campo chi sta bene mentalmente e fisicamente e ha ancora voglia di dimostrare. Ci siamo allenati abbastanza bene questa settimana, dico abbastanza perché la risposta poi si dà in partita. Ci potrà essere qualche cambiamento, ma sono state fatte scelte a gennaio per dare continuità a ragazzi giovani, non cambio adesso. Ci sono giocatori che hanno dato tanto e ci sta in un percorso di calare un pochettino e quindi vediamo. Chi sta meglio giocherà».