Contenuto riservato agli abbonati

Modena Calcio Mosti: «Qualche giorno a Ibiza Poi la testa solo al Modena»

«Parto lunedì con Oukhadda, Bonfanti, Duca, Di Paola e Gagno. L’idea della vacanza ci è venuta durante l’anno, nel caso fossimo saliti in B»


MODENA Nicola Mosti vestirà la maglia del Modena anche in Serie B. Per il classe ‘98, che nell’ultima annata ha collezionato in totale 35 presenze, 4 gol e 9 assist, è scattato l’obbligo di riscatto dal Monza, rendendo così il calciatore toscano interamente di proprietà della società di viale Monte Kosica (contratto fino al 2024). In attesa del raduno al Braglia e del ritiro estivo a Fanano, Mosti si sta allenando individualmente per farsi trovare pronto: «Per come sono fatto non riesco a stare fermo e cerco di fare sempre qualcosa per restare sul pezzo. Svolgo sedute funzionali di lavoro con un mio amico personal trainer, mi aiuta con lezioni private e mi permette di non perdere il ritmo. E’ lui che imposta il programma e oltre al lavoro ci divertiamo anche, insomma mi tengo in forma il più possibile. Mi concederò soltanto qualche giorno di relax, a Ibiza con Oukhadda, Bonfanti, Duca, Di Paola e Gagno. L’idea della vacanza è nata durante l’anno, ci siamo detti che se avessimo vinto avremmo passato una settimana di ferie insieme e quindi partiremo lunedì».

Il talento di Pietrasanta, all’età di 24 anni, ha già vinto due volte il campionato di Serie C, prima con il Monza e poi con il Modena: «Sono stato bravo e fortunato a ritrovarmi in due piazze importanti e in altrettante squadre veramente forti. E’ andata bene, sono contento e spero possa andare sempre meglio. Vincere in gialloblù è stato più emozionante grazie alla presenza del pubblico, mentre a Monza la pandemia era in corsa e mi sono goduto il successo fino ad un certo punto. Quello appena concluso lo considero un anno incredibile ed indescrivibile, mi emoziono ancora a parlarne».

Mosti ha inoltre rivissuto i momenti più importanti della stagione, culminata con il tanto atteso ritorno del Modena in cadetteria: «Personalmente, penso alla gara d’andata a Pescara. E’ stata la mia miglior partita, ho anche segnato il primo gol. Abbiamo dato grande dimostrazione di forza con il cambio del modulo, da quel match ma pure dal ko con il Montevarchi è partita la nostra rincorsa verso l’obiettivo. Chiaramente è impossibile non ricordare il 4-0 rifilato al Pontedera, una giornata indimenticabile che non scorderò mai». Infine, uno sguardo al futuro con i gialloblù vogliosi di recitare un ruolo da protagonista anche in Serie B: «La categoria è composta da formazioni importanti, troveremo un campionato difficile e un po’ più fisico e tecnico rispetto allo scorso ma non ci faremo trovare impreparati. Penso al bene della squadra e mi auguro di togliermi il maggior numero di soddisfazioni insieme al resto del gruppo».

MERCATO

Continua il pressing per il bomber del Lecce Massimo Coda. Restano nel mirino anche Diaw, Ciurria, Torregrossa, Donnarumma e Sibilli oltre al difensore Ghiringhelli. In uscita, da valutare il futuro di Scarsella e Minesso.l