Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Alla scoperta dell’antico borgo di Pompeano tra storia e musica

Il concerto nella chiesa di San Geminiano per la rassegna “ArmoniosaMente”

SERRAMAZZONI. Inizia oltre mille anni fa la storia del borgo di Pompeano, arroccato intorno al suo castello costruito su una rupe a strapiombo, raccontata nella conferenza itinerante che precede il concerto in programma oggi, alle 21, nella chiesa parrocchiale di San Geminiano nell’ambito della rassegna “ArmoniosaMente”. Protagonisti della serata, a ingresso libero, sono il soprano Martina Parravano e l’organista Alessandro Alonzi con un programma che va da Alessandro Scarlatti a Pietro Masc ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SERRAMAZZONI. Inizia oltre mille anni fa la storia del borgo di Pompeano, arroccato intorno al suo castello costruito su una rupe a strapiombo, raccontata nella conferenza itinerante che precede il concerto in programma oggi, alle 21, nella chiesa parrocchiale di San Geminiano nell’ambito della rassegna “ArmoniosaMente”. Protagonisti della serata, a ingresso libero, sono il soprano Martina Parravano e l’organista Alessandro Alonzi con un programma che va da Alessandro Scarlatti a Pietro Mascagni.

Prima del concerto, con ritrovo alle 20 ai piedi della salita del castello, Pierluigi Piumi condurrà i partecipanti in una conferenza itinerante alla riscoperta dell’antico borgo di Pompeano attraverso la sua storia, l’arte e la cultura.

“ArmoniosaMente”, giunta alla sua settima edizione, è promossa dalle associazioni Amici dell’organo “Johann Sebastian Bach” e “Cantieri d’arte” sotto la direzione artistica di Stefano Pellini e Davide Burani, con il patrocinio del Comune di Modena e il contributo di Regione, Bper e Lapam.

I due giovani musicisti, entrambi abruzzesi, propongono un programma dedicato a diversi compositori europei dal barocco al romantico tra i quali, appunto, Alessandro Scarlatti e Pietro Mascagni oltre a Johann Pachelbel, Bach, Mercadante, Fauré e Benedetto Marcello.

Martina Parravano si è diplomata in canto lirico al Conservatorio dell’Aquila e ha iniziato il perfezionamento sotto la guida di Michela Sburlati. Ha partecipato a numerosi concerti come solista, con orchestra e con pianoforte, in Italia e all’estero facendosi apprezzare soprattutto nel repertorio italiano ed europeo dell’800 e del primo ‘900 (Verdi, Puccini, Massenet, Mascagni, Catalani, Bellini). Ha frequentato diverse masterclass, l’ultima delle quali con il celebre soprano Mietta Sighele, esibendosi tra gli allievi migliori del corso nel Musica Riva Festival (Riva del Garda).

Alessandro Alonzi si è formato come direttore d’orchestra, organista, pianista accompagnatore, direttore di coro al Conservatorio dell’Aquila e in quello di Amsterdam. Filologo classico, è anche docente di pianoforte, armonia e contrappunto alla scuola comunale “Claudio Abbado” di Civitella Roveto. Ha debuttato come direttore d’orchestra nel maggio 2016 e si è esibito in Italia ed all’estero, da solista e con orchestra. È fondatore e direttore artistico del ‘Festival organistico internazionale Città di Sora e, dal 2015, del festival organistico di Vasto. —