Modena 1958/ Il vaccino antipolio di contrabbando costa 50mila lire

Le dosi in città sono finite, le famiglie sono preoccupate e c’è chi ne approfitta: le compra in Svizzera e le rivende

 
MODENA
 
Il 1° gennaio nasce ufficialmente la Comunità Economica Europea. Entra in vigore il Mercato Comune Europeo, di cui fanno parte Italia, Francia, Germania, Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo. Il trattato che lo ha istituito prevede l'abbassamento graduale delle tariffe doganali fino alla libera circolazione delle merci, della forza lavoro e dei capitali.
 
È l’inizio dell’anno, e tra pochi giorni arriverà la Befana (molti bambini ci credono ancora). Ma cosa porterà? Si è modernizzata, e non ci saranno più i cavallini a dondolo. Si parla di “marziani”, “stazioni spaziali”, “robot”, ma anche di trenini elettrici e di pianole. Ma per le bambine le bambole non mancheranno. E continuano i furti. Con un audace colpo, in pieno giorno, tre giovani (non modenesi, ma “terroni”, come dirà la proprietaria) rubano in una oreficeria in Canalchiaro anelli per un valore di 700.000 lire. E in una vecchia casa di periferia crolla per il calore prodotto da una canna fumaria il pavimento di una stanza dove dormiva una anziana signora, che si salva. Aveva urlato al figlio: “Còri còri ca ghè al taramòt!”.
 
Si polemizza e si ironizza molto da un po’ di tempo sulla manutenzione delle strade della nostra Capitale. Ma anche negli anni di cui stiamo parlando … Un pullman con una quarantina di mediatori e commercianti modenesi si stava recando a Cremona per il settimanale mercato del bestiame. Il ghiaccio sulla strada e, pare, una grande buca, fa urtare l’automezzo con un rimorchio che si era ribaltato sulla strada. 
Venti modenesi finiscono all’ospedale. / SEGUE A PAG. 24
 


E naturalmente non è l’unico incidente. Alla Fossalta un autocarro si schianta contro un altro e abbatte la linea telefonica. Saltano 68 circuiti telefonici, e si impiegherà molto tempo per ripristinare la linea.

E a San Lazzaro due auto si urtano in un sorpasso, investono due ciclisti e si ribaltano nel canale. Fortunatamente solo feriti.

Confesso che sono contro i “No Vax”, coloro cioè che si oppongono all’obbligo vaccinale per i bambini. Nell’aprile del 1955 Jonas Salk aveva annunciato la scoperta del vaccino contro la poliomielite da iniettare ai bambini (negli anni sessanta Albert Sabin sviluppò un vaccino orale). La poliomielite era purtroppo così diffusa che tutti i genitori preoccupati vaccinavano i figli. Ma alla Clinica Pediatrica manca il vaccino, e si ricorre al contrabbando dalla Svizzera. Nelle farmacie della Repubblica Elvetica un flacone da nove dosi si vende a 33 franchi, cioè a circa 4.800 lire. A Modena viene venduto di contrabbando a oltre 50.000 lire!



Il 27 gennaio in Piazza Grande la Ditta Pastorino, che ha l’appalto a Modena della nettezza urbana, presenta i suoi nuovi modernissimi mezzi. E un dirigente sottovoce afferma: “I cittadini modenesi sono i più esigenti e sono quelli che collaborano di meno. Abbiamo messo in alcuni punti della città i cestini per la carta, ma non solo non sono serviti, alcuni sono stati addirittura rubati”.

Il 31 gennaio viene lanciato l'Explorer1: è il primo satellite americano, e si apre l'era spaziale degli Stati Uniti.

Vediamo tutti i giorni purtroppo le tensioni in Medio Oriente. Il 1° febbraio Egitto e Siria si fondono nella Repubblica araba unita (RAU), la cui presidenza, sanzionata da un plebiscito, viene assunta dal presidente egiziano Nasser. Durerà solo fino al 1961.

Sabato 1° febbraio l'ottava edizione del Festival di Sanremo, ospitata nel Salone delle Feste del Casinò e condotta da Gianni Agus e Fulvia Colombo, presenta una novità rispetto alle passate edizioni: la diretta televisiva in Eurovisione. Ma soprattutto inizia a farsi spazio un tipo di canzone diversa: vinse infatti “Nel blu dipinto di blu” (per tutti “Volare!”) cantata da Domenico Modugno e Jonny Dorelli.

Il 5 febbraio tutti i cinema dell’Emilia resteranno chiusi. È una sorta di sciopero proclamato dall’AGIS (Associazione Generale Italiana dello Spettacolo).

La concorrenza della televisione si sta facendo sempre più sentire, e il pubblico nelle sale diminuisce. I gestori chiedono meno tasse.



A San Giovanni Persiceto viene ucciso dalla polizia un giovane rapinatore. Si scoprirà che il 24 agosto dell’anno aveva aggredito alla periferia di Carpi una coppia di fidanzati, e dopo aver legato l’uomo a un albero aveva rinchiuso in un sacco la ragazza prima di caricarla sulla sua motocicletta.

In Corso Vittorio Emanuele II, di fianco a Palazzo Coccapani, ha avuto sede per moltissimi anni il Centro di Pronto soccorso della Croce Rossa. Una attività benemerita e di grande importanza per la città. Si pensi che nel solo mese di gennaio del 1958 ha prestato lì in sede ben 982 servizi sanitari, e fuori sede 526. Il Ministero della sanità fu istituito con la legge 13 marzo 1958, ma solo con la legge 12 febbraio 1968 fu riformato il sistema degli ospedali, fino ad allora per lo più gestiti da Enti di assistenza e beneficenza, trasformandoli in enti pubblici.

I goliardi bolognesi tentano di rubare la “Secchia rapita”. Agli inizi di febbraio vengono a Modena di notte con tre “600” e tentano di forzare l’ingresso della Ghirlandina con un trapano. Un metronotte li vede e spara un colpo in aria. I ragazzi scappano.

Ancor oggi, purtroppo, i giornali e i telegiornali ci informano, quasi ogni giorno, di disgrazie, di incidenti sul lavoro, o del crollo di abitazioni fatiscenti. La “Gazzetta” in febbraio ci racconta in prima pagina del crollo di uno stabile a Foggia che doveva essere sgomberato perché pericolante. Muoiono sotto le macerie nove persone.

E a Modena una ragazza di 17 anni ha le gambe amputate dal treno. Giunta alla Stazione Piccola per prendere il treno, ha cercato di aprire uno sportello del convoglio ormai in moto aggrappandosi alla maniglia, ma è scivolata ed è finita sotto le ruote.

Salvata dai sanitari dell’Ospedale dopo un lungo intervento. SEGUE A PAG. 26
 

Il 23 febbraio Manuel Fangio è a Cuba, e poche ore prima della partenza del secondo Gran Premio di Cuba il miglior corridore del mondo venne sequestrato dal Movimento 26 luglio comandato da Fidel Castro. Viene rilasciato 27 ore dopo il sequestro. Il campione ha dichiarato di essere stato trattato “magnificamente”. Castro entrò all’Avana 8 gennaio 1959 dopo la fuga del dittatore Batista.

Non mancano in quegli anni le tensioni di carattere religioso. Pochi ricorderanno Roger Peyrefitte, scrittore francese autore in quel tempo del romanzo Le chiavi di San Pietro. Attraverso la vicenda umana e teologica del giovane prete francese Victor Mas scrisse cose scabrose su una Roma dominata dal papato, suscitando ovviamente aspre polemiche. Ma forse qualcuno ricorderà Pietro Fiordelli, vescovo di Prato.

Aveva definito pubblici peccatori e concubini i coniugi Bellandi (Mauro Bellandi e Loriana Nunziati), una coppia di cittadini pratesi che si erano sposati con rito civile. Nel 1956 sul giornale parrocchiale aveva fatto scrivere: “Oggi, 12 agosto, due suoi parrocchiani celebrano le nozze in Comune rifiutando il matrimonio religioso. Questo gesto di aperto, sprezzante ripudio della religione è motivo di immenso dolore per i sacerdoti e per i fedeli. Il matrimonio cosiddetto civile per due battezzati assolutamente non è matrimonio, ma soltanto l’inizio di uno scandaloso concubinato

Pertanto lei, signor Proposto, alla luce della morale cristiana e delle leggi della Chiesa, classificherà i due tra i pubblici concubini e, a norma dei canoni 855 e 2357 del Codice di Diritto Canonico, considererà a tutti gli effetti il signor Bellandi Mauro come pubblico peccatore e la signorina Nunziati Loriana come pubblica peccatrice. Saranno loro negati i sacramenti, non sarà benedetta la loro casa, sarà loro negato il funerale religioso Infine, poiché risulta all’autorità ecclesiastica che i genitori hanno gravemente mancato ai propri doveri di genitori cristiani, permettendo questo passo immensamente peccaminoso e scandaloso, la Signoria Vostra, in occasione della Pasqua, negherà l’acqua santa alla famiglia Bellandi e ai genitori della Nunziati Loriana.

La presente sia letta ai fedeli”. Il vescovo Fiordelli fu processato per diffamazione. Fu condannato in primo grado al pagamento di 40.000 lire di multa, Il Papa dispose la sospensione della festa dell’Incoronazione che si sarebbe dovuta tenere in San Pietro il 12 marzo. Il vescovo fu poi assolto in appello per l'“insindacabilità dell'atto”.