Giornata della Memoria a Modena e provincia: il programma 

Una miriade di iniziative, mostre, spettacoli, libri, reading. Ecco le principali in città fino alla prossima settimana

MODENA. Incontri, lezioni, film, musica, teatro, mostre, salmi e preghiere, e iniziative con le scuole con focus sulle leggi razziali. Domenica 27 gennaio, Giorno della Memoria, anniversario dell’apertura dei cancelli di Auschwitz, vede a Modena tante iniziative in un unico calendario di Comune - Comitato comunale per la memoria e le storie del ‘900 e Provincia di Modena. È aperta dopo l’inaugurazione, nei giorni scorsi, alla residenza universitaria San Filippo Neri di via Sant’Orsola 52, la mostra “1938. La Storia”. La mostra offre uno sguardo particolare su uno dei periodi più bui della storia d’Italia (1938-1943), quello in cui il governo di un paese che si considerava “civile” ha violentemente calpestato i diritti di una parte dei suoi cittadini. Questo tragico capitolo di storia viene ricordato attraverso fotografie, manifesti, documenti, giornali, oggetti e filmati, in gran parte inediti e originali, relativi all’intera realtà nazionale, provenienti da numerosi archivi e collezioni private.. Questa mattina alle 9.30 al teatro del San Carlo si svolge il “Processo al ‘Manifesto della razza’ il caso di Nicola Pende”, azione teatrale per le scuole secondarie di II grado a cura di Istituto Storico e Fondazione San Carlo. Alle 21 al Forum Monzani va in scena il gruppo corale e strumentale Ologramma per “L’uomo che Verrà... Musica e Parole”, con testimonianze di Liliana Segre, Sami Modiano, Josè Pepe Mujica, Andrea Camilleri.

Domenica alle 10 nella sede dell’Ateneo in via Università sarà deposta una corona alla lapide in memoria dei docenti e degli studenti perseguitati a causa delle leggi razziali; alle 10.30 al San Filippo Neri “La Memoria nei giorni, nei luoghi e nelle coscienze”, incontro con Carlo Spartaco Capogreco, storico e saggista, docente di Storia contemporanea e didattica della Shoah all’Università della Calabria. Alle 18 in Sinagoga lettura di salmi e preghiere in ricordo dei deportati con Beniamino Goldstein, Rabbino capo della Comunità ebraica. Alle 21.15 alla Sala Truffaut il film “I bambini di 209 rue Saint-Maur” di Ruth Zylberman.


Lunedì 28 gennaio alle 17.30 al San Filippo Neri si presenta il libro “La bella resistenza. L’antifascismo raccontato ai ragazzi” di Biagio Goldstein Bolocan (Feltrinelli 2019). Alle 20.45 alla Sala Truffaut “Denial - la verità negata” di Mick Jackson.

Mercoledì 30 gennaio alle 18 al San Filippo Neri “Una risata da non dimenticare”. I 19 allievi attori della Scuola di Teatro Iolanda Gazzerro di omaggiano la figura irriverente di Angelo Fortunato Formiggini. —