Scappin e Vannoni in “Monopolista” analisi dell’etica della spietatezza

Sul palcoscenico una partita del famoso gioco diventa scontro tra ingenuità e sopraffazione