Emilia e una notte al via in biblioteca con un laboratorio tutto al femminile

Protagonisti della rassegna Musso, Vaccaro Celestini, De Summa e Compagnia Dammacco

RUBIERA. Da oggi al 22 luglio 2019 torna “L’Emilia e una notte”, la rassegna estiva ideata e promossa da La Corte Ospitale.

Tra i protagonisti delle serate nel chiostro della Corte Ospitale di Rubiera Ascanio Celestini, Giuliana Musso, Oscar De Summa, Piccola Compagnia Dammacco, Tiziana Francesca Vaccaro. «L’Emilia e una notte è per noi da sempre un’occasione preziosa per condividere con i cittadini di Rubiera e del territorio lo spazio che abitiamo tutti i giorni dell’anno - spiega Giulia Guerra, direttrice de La Corte Ospitale - L’estate che si sta aprendo e ci vedrà impegnati in diversi debutti delle nostre produzioni in importanti festival nazionali. Nonostante il nostro impegno fuori da Rubiera, non rinunciamo a questo appuntamento ormai divenuto tradizionale per noi e per il nostro pubblico».

“L’Emilia e una notte” si apre oggi, alle 19.30, nel Cortile delle Arti della Biblioteca Urceo Codro con “Io sono. Tu sei. Noi siamo. Esito aperto del laboratorio per donne italiane e straniere condotto da Tiziana Francesca Vaccaro” in Corte Ospitale. Un progetto ideato e promosso dal Comune di Rubiera e La Corte Ospitale, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con la Biblioteca Codro.

Donne uguali, donne diverse, donne perfette, donne una dentro l’altra come matrioske. Donne piene di racconti, piene di storie, quelle narrate e quelle taciute, donne lontane e donne vicine. Chi sono queste donne che ci abitano? Dal laboratorio con le donne del territorio, italiane e migranti, nasce questa azione teatrale che tiene conto delle particolarità delle persone incontrate e di tutti i loro saperi, che dà spazio alla narrazione, ma anche all'azione grafica, musicale, poetica, cercando di restituire al meglio tutte le potenzialità creative. Ingresso libero e gratuito fino a esaurimento posti. —