Un fine settimana in viola con la festa della lavanda

Il centro di Frassinoro si tinge di viola con la festa della lavanda, due giormni di mostre, spettacoli ed enogastronomia

MONTEOMBRARO. Si tinge di viola il weekend che sarà tutto all'insegna della lavanda. Due giorni di mostre, spettacoli e gastronomia nati dall'impegno dell'istituto agrario, con insegnanti, personale, studenti e genitori al lavoro per mettere in pratica il nuovo motto della scuola: la qualità della tradizione per il benessere del futuro.

«Nell'azienda della nostra scuola - spiegano gli insegnanti della sede di Monteombraro dell'istituto Spallanzani - coltiviamo diverse qualità di lavanda, per scopi di studio e di vendita. Distilliamo poi la lavanda prodotta da noi e da altri coltivatori della zona, ottenendo olii essenziali, saponi, shampoo e cosmetici. È un settore su cui ci siamo specializzati in modo particolare ma ci concentriamo anche su molto altro, con l'obiettivo di salvaguardare la biodiversità degli ambienti agrari e montani».

Nel corso del weekend l'istituto proporrà dimostrazioni di raccolta e distillazione della lavanda, laboratori tematici, mostra-mercato ed esposizioni, oltre alla degustazione di cibi contadini, ottenuti anche con varietà di cereali e frutti oggi molto rari. Saranno ospitate razze locali di animali in via di estinzione, mentre di sicuro impatto sarà il battesimo della sella, un primo corso per imparare a cavalcare, realizzato in collaborazione con il Centro Equestre del Panaro.

Ma la festa coinvolgerà anche tutto il resto del paese: ovunque addobbi e decorazioni che riprendono il viola e la lavanda, oltre a stand gastronomici e spettacoli musicali. Domani, 6 luglio, alle 21, Ciro e Meris; domenica 7 luglio alle 17 spettacolo della scuola di danza di Castelletto e alle 20.30 musica con Sandro e Steve; lunedì 8 chiusura della festa con i Topexan. —