“Mast Còt” a Spilamberto si celebra il balsamico

In piazza la cottura del mosto, banchetti in centro ed eventi per bambini. In abbinamento il tour gastronomico "Stuzzicalamberto"

SPILAMBERTO. È la manifestazione che celebra uno dei prodotti modenesi più apprezzati: l’aceto balsamico tradizionale di Modena. Si tratta di “Mast Còt”, domani e domenica (5 e 6 ottobre) a Spilamberto, due giorni per celebrare con vari eventi l’oro nero modenese. Fulcro dell’iniziativa la cottura del mosto in piazzale Rangoni a cura della consorteria dell’aceto balsamico tradizionale di Modena che svelerà anche i segreti per la produzione di balsamico. In centro storico esposizione e vendita di prodotti tipici delle aziende agricole del territorio mentre nel parco della Rocca andrà in scena “Castrum Spinalamberti”, rievocazione storica ambientata nel XIII secolo con artigiani, dame, armati a cura dei Cavalieri del fiume. Per i più piccoli in via San Giovanni “Il balsamico dei bambini”, vendita di aceto tradizionale donato dalla consorteria e imbottigliato dalle classi quinte dell’istituto Fabriani cui andrà il ricavato e corso di cucina per piccoli chef a cura dell’associazione Genitori e Amici del Fabriani.

In occasione di Mast Còt si terrà anche la prima edizioni di “Stuzzicalamberto”, un percorso enogastronomico tra le prelibatezze della zona che proporranno assaggi di piatti a base di aceto balsamico. Anche la cultura sarà protagonista della manifestazione con la mostra di Marco Luppi “Balsamico in sintesi” nell’ex formaggiaia di Rocca Rangoni. La mostra, dedicata ad una serie di opere vuole rappresentare un connubio tra la storia antica dell’aceto balsamico e la lettura artistica contemporanea dei suoi colori. Sarà visitabile fino al 20 ottobre. Inoltre si terranno anche laboratori, spettacoli e musica, domani sera alle 21 nella corte d’onore della Rocca Rangoni musiche e danze irlandesi mentre domenica alle 16.30 in centro storico “Pedala piano”, un progetto musicale itinerante. —