Crossroads: nel mese di aprile il grande jazz fa tappa a Modena

La rassegna itinerante propone sei concerti. Tra i protagonisti anche Enrico Rava

MODENA. Il jazz fa…103: tanti sono gli anni trascorsi dalla prima registrazione discografica della musica che ha rinnovato il panorama sonoro del Novecento e tanti saranno i giorni della ventunesima edizione di Crossroads. Un festival itinerante extralarge nella durata (dal 28 febbraio al 9 giugno), nella geografia (diffuso in oltre venti comuni che coprono tutto il territorio dell’Emilia-Romagna), nei contenuti: saranno coinvolti oltre 500 artisti in più di 70 concerti capaci di cogliere le innumerevoli varietà estetiche del jazz, con orecchie ben aperte sugli influssi provenienti da altri generi. Sono invece sei gli appuntamenti di qualità, tutti concentrati nel mese di aprile, che si svolgeranno in provincia di Modena.
Si parte mercoledì 1 aprile, al Teatro Facchini di Medolla, dove approda Andrea Mingardi e il suo gruppo con lo spettacolo “...E allora jazz”. Il giorno seguente tappa alla Tenda di Modena che ospita “Marialy Pacheco & Joo Kraus”. Crossroads arriva a Carpi domenica 5 aprile, al Circolo Cabassi, con il concerto “Parents” di Guido Leone Trio feat. Jim Rotondi. Il quarto appuntamento, il 9 aprile, ancora alla Tenda di Modena. Kassa Overall porta “I Think I’m Good”. Anche quet'anno l'Off di Modena ospita un importante appuntamento: il 19 aprile occhi puntati su Andreas Schaerer / Peter Rom / Martin Eberle Trio con “Après nous le déluge”. Ultimo appuntamento al Teatro Dadà di Castelfranco Emilia, il 28 aprile. Lo Greco Bros feat Enrico Rava, propongono “The Man with the Horn”. Enrico Rava sarà artist in residence.
Crossroads 2020 è organizzato come sempre da Jazz Network in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna e con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo e di numerose altre istituzioni. —