Emanuele Arciuli al piano: un viaggio musicale dall’Éuropa all’America

MODENA. Concerto a cura degli Amici della Musica di Modena, a ingresso gratuito su prenotazione, oggi alle 21 ai Giardini Ducali. Emanuele Arciuli al pianoforte eseguirà brani musicali francesi e italiani del Novecento in cui l’America fa da contrappunto. Musiche di grande immediatezza e vocazione narrativa di Corigliano, Debussy, Poulenc, Rota e Rzewski. Il concerto si svolge nell’ambito dei “Giardini d’Estate” a cura di Ert. In apertura e chiusura di programma, Arciuli eseguirà due brani tratti dalla letteratura pianistica americana, della quale è interprete di riferimento a livello internazionale: la Fantasia su un Ostinato di John Corigliano e il Piano Piece n.4 di Frederic Rzewski, compositore tra le figure più note dell'avanguardia musicale statunitense. All'America fa da contrappunto una selezione di musiche francesi e italiane del '900: sei Préludes di Debussy tratti dal Premier Livre, i Trois Pièces scritti da Francis Poulenc nel 1928 e una scelta di sei Preludi di Nino Rota, rappresentativi dell'evocativa scrittura strumentale del “compositore di Fellini”. Accanto al repertorio più tradizionale, Arciuli interpreta moltissima musica del nostro tempo. Più di cinquanta le pagine composte per lui da autori come George Crumb, Milton Babbitt, Frederic Rzewski, Michael Nyman, Michael Daugherty, John Luther Adams, per citarne solo alcuni. Il suo interesse per la musica americana si è riversato in due libri, “Musica per pianoforte negli Stati Uniti” e “Il pianoforte di Leonard Bernstein”. Biglietti: Teatro Storchi (oggi 10-14, 059 2136021) o, se disponibili, all’ingresso dei Giardini. —
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi