Nelle «Private stanze» di Emiliano Mazzoni