Modena. “Realtà nascoste” firmate Guidetti per aiutare le attività dell’Ant

«Cerco di dare un senso di libertà alle foto Ho la presunzione di inventarmi i soggetti»

Modena. Una mostra di fotografie, dal titolo “Realtà nascoste ”, a favore della Fondazione ANT Italia ONLUS – Delegazione di Modena sarà inaugurata sabato 31 ottobre, alle 17, presso la Galleria Antonio Verolino, in via Farini 70. Diciotto le immagini, selezionate tra quelle scattate negli ultimi due anni da Carlo Guidetti, ingegnere di professione e fotografo per passione che a 12 anni vinse un premio importante, ha tenuto mostre degne di attenzione, come quella nel 2007 nel Comune a Modena, riguardante il Palazzo Ducale che si riflette sulle Ferrari esposte in piazza Roma. A Guidetti interessa la realtà solo come proiezione del visibile in uno spazio libero in cui manifestarsi sotto forme astratte.

Le immagini si rivelano come tracce dell’essenza di un paesaggio, di un oggetto, di una cosa, creando una condizione di meraviglia. Come avviene nella rappresentazione dinamica di fuochi d’artificio, delle montagne d’acqua che sbattono in riva al mare, di una carta stagnola sottoposta ad una illuminazione particolare, di riflessi dell’acqua nell’ansa del Ticino, del paesaggio che si specchia nel porto-canale di Milano Marittima. E non poteva mancare Venezia i cui canali decantano la bellezza della città in una fantasmagoria di colori. Strutturato su più piani è il cielo che si connota di un gioco di cromie che pare annullare le scansioni geometriche.

«Cerco di conferire – dice l’autore – un senso di libertà alle immagini. Ho la presunzione di inventarmi i soggetti. Le immagini sono stampate su lamiera di alluminio che esalta i colori. Quelle esposte misurano 50x70 centimetri. Ci sono anche quelle più piccole (cm.20x30) che il pubblico può scegliere». «Il ricavato di quanto offerto dal pubblico per le immagini esposte sarà interamente devoluto – dice Maria Concetta Pezzuoli, delegata ANT Modena - a sostegno delle attività gratuite di assistenza medico-specialistica a casa dei malati di tumore e dei progetti di prevenzione oncologica». Il giorno dell’inaugurazione, per motivi di distanziamento, l’accesso alla Galleria sarà consentito a gruppi di 10 persone max.

La mostra resterà aperta fino al 7 novembre, 10-13 e 16-19. Per info: tel. 059 238181 ANT e tel. 059 237845 Galleria Verolino. L’evento si svolge in collaborazione con Mario Neri Catering. Si tratta di una iniziativa di solidarietà per raccogliere fondi che, in passato, sono stati impiegati dalla Fondazione ANT Italia, nata nel 1978 a Bologna ad opera dell’oncologo Franco Pannuti, per curare 130mila persone in 11 regioni. «Ogni anno – spiega la Pezzuoli – 10 mila persone vengono assistite nelle loro case da 20 équipe multidisciplinari ANT che assicurano cure specialistiche di tipo ospedaliero e socio-assistenziale, con una presa in carico globale del malato oncologico e della sua famiglia.

A Modena la Fondazione ANT opera con uno dei 20 Ospedali Domiciliari Oncologici (Odo-Ant) distribuiti in 10 regioni d’Italia. L’Odo di Modena/Vignola, attivo dal 1987, porta a casa del sofferente prestazioni socio-assistenziali pari a quelle offerte in un reparto ospedaliero tradizionale: assistenza medica, infermieristica e psicologica, servizio di nutrizione artificiale, fornitura di presidi medico-chirurgici. Dall’inizio dell’attività a fine dicembre 2019 sono stati 2.560 i sofferenti assistiti gratuitamente nella provincia. Numerosi i progetti realizzati con le risorse reperite sul territorio».