Contenuto riservato agli abbonati

Bassa modenese: spettacolo itinerante a domicilio, frammenti di teatro, ma a distanza

Il progettodi TiPì propone nella Bassa degli “aperitivi” con momenti di prosa. «Un invito a condividere un momento di ascolto e confronto culturale»

MODENA. Storie da merenda a domicilio per i più piccoli, accompagnate da un omaggio dolciario offerto dalla Pasticceria Caffetteria Estense di San Felice sul Panaro, e Storie da aperitivo per i più grandi, sempre rigorosamente a domicilio, accompagnate da un drink offerto dalla Casoni Fabbricazione Liquori di Finale Emilia.

Succede nei nove comuni dell’Area Nord della provincia di Modena con le “Storie a domicilio”, progetto di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato tramite il quale, per i prossimi dieci giorni, si potranno prenotare merende e aperitivi teatrali direttamente a casa propria.

«L’idea è quella di riallacciare i rapporti con la comunità della Bassa modenese, da sempre attenta e sensibile alle nostre propose culturali, attraverso dei racconti – spiega Irma Ridolfini, responsabile del progetto – Si tratta di un invito a condividere un momento di ascolto e confronto. Per i più piccoli ci sarà poi un'altra sorpresa: la possibilità di acquistare a prezzo scontato i libri che hanno ispirato le storie narrate, grazie alla collaborazione con Tra le note – Libri & vinili, libreria di San Felice sul Panaro».

Fino a fine mese, si potrà prenotare telefonicamente una storia e ricevere così un momento di teatralità direttamente a casa, sempre in sicurezza: il tutto, infatti, si svolgerà oltre che nel rispetto del distanziamento fisico, mai in luoghi chiusi ma sfruttando giardini e cortili o direttamente assistendo alla performance affacciati dal proprio balcone.

«Il teatro è fatto di relazioni e siamo convinti che si debbano trovare alternative per coltivarle – sostiene il coordinatore Paolo Zaccaria - TiPì è nata nel 2016 da un pensiero preciso: non serve un teatro per fare Teatro. Da sempre abbiamo utilizzato luoghi alternativi, proprio perché nelle nostre comunità i teatri sono chiusi da prima della pandemia, a causa del sisma del 2012. I decreti continuano a stabilire la chiusura dei teatri, per questo abbiamo creato, ironicamente, il nostro Tpcm: perché TiPì Ci Manca e ci manca il contatto con il territorio!». In questi mesi di fermo, tante persone che erano abituate a seguire la stagione di TiPì, tramite i social hanno scritto agli organizzatori dicendo che sentivano la nostalgia delle loro attività, spingendoli a proporre questa soluzione a domicilio per continuare a stare vicino alle persone.

«Anche se non è equiparabile all'esperienza comunitaria dell'andare a teatro, è comunque un modo per coltivare e preservare l'abitudine della comunità a prendere parte in maniera condivisa a un evento di tipo teatrale, un pretesto per trovarsi e crescere insieme come cittadini – sostiene Ridolfini – Per ora, essendo in due attori ad occuparci delle performance su tutto il territorio dell’Area Nord, i giorni di consegna previsti sono dal 20 al 24 e dal 27 al 31 gennaio dalle 16.30 alle 20 nei giorni feriali e dalle 15.30 alle 20 il sabato e la domenica. Qualora la proposta sia ben accolta, valuteremo sicuramente di proseguire».

L’iniziativa è anche un modo per fare raccolta fondi, visto il periodo difficile che teatro e mondo della cultura in generale stanno attraversando, per questo, per la consegna è richiesto un contributo consapevole. Si parte da una base minima di 20 euro per nucleo famigliare, ma si potrà offrire anche di più o di meno, a seconda delle proprie disponibilità.

«Pensiamo che non debba essere il pubblico a pagare le conseguenze di questa situazione, per questo cercheremo di portare la nostra iniziativa a quante più persone possibili, in attesa di un segnale della politica nazionale che predisponga un piano concreto per risollevare un settore, quello dello spettacolo, che è veramente in ginocchio” concludono Ridolfini e Zaccaria. Per informazioni e prenotazioni telefonare al numero 347.2306264, consultare la pagina Facebook TiPì – Stagione di Teatro Partecipato o il profilo instagram stagione.tp —

© RIPRODUZIONE RISERVATA