L'Appennino imbiancato e cima tauffi 

Ed eccoci qui, nuovamente arancioni... però se uno risiede in un comune dove non c'è neve e vuole praticare una qualche sorta di sport invernale, può spostarsi in tutta la regione per ciaspolare o fare sci di fondo e quant'altro.

Le regole sono sempre più strane e sembra proprio che vogliano “incasinare” non solo noi cittadini, ma anche le forze dell'ordine. Da Modena non posso andare a Formigine, però, per fare nordic walking posso recarmi sulle colline parmensi... spiegatemi la logica, perchè io non la capisco, ma mi adeguo.


Comunque, grazie al suggerimento di un’amica, mi sono recata sul Colle Colombino. Lei in genere affronta questo percorso con la mountain bike durante la bella stagione, ma si può fare anche a piedi.

Si parcheggia a Fellicarolo (località I Taburri), per poi prendere il sentiero numero 445. In questo tratto, a seconda del momento, può essere necessario munirsi di ciaspole o scarponcini da neve con ramponi (potete anche comprarli a parte e poi applicarli alla scarpa).

Utilissimi anche i bastoncini da neve. Il dislivello complessivo del percorso è di 600 metri, ma con calma e la giusta attrezzatura si sale agevolmente, anche perché il sentiero è ben segnalato.

Arrivati sul Colle Colombino a 1520 metri sul livello del mare, potete scegliere se continuare il percorso verso Cima Tauffi, prendendo il sentiero 425. Noi ci siamo fermati prima, ma con una giornata bella serena come quella dello scorso week end, super freddo ma limpidissimo, una volta in cima lo sguardo spazia sul Cimone, Libro Aperto ed il Colle alle Scale.

Rimango dell'idea che le Dolomiti non abbiano eguali, ma ammetto che anche i paesaggi dei nostri Appennini, con gli alberi bianchi di neve e brina che si stagliano sul cielo azzurro e con distese di prati immacolati, abbiano il loro fascino.

www.viaggiareconlaura.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA